Fallimenti e Start-up: la mappa nazionale 2014

di Teresa Barone

scritto il

Classifica regionale sulla base dell'Indice di reattività alla crisi: in media per ogni fallimento nascono 27 start-up, ecco la top ten e l'exploit del Sud Italia.

In Italia, tra gennaio e settembre 2014 sono nate più di 286mila Start-up, mentre nello stesso periodo 10.483 imprese hanno invece dichiarato fallimento. Un bilancio drammatico che, tuttavia, sembra andare a vantaggio delle nuove iniziative imprenditoriali, con una media di 27 start-up per ogni chiusura nei primi nove mesi dell’anno in corso.

=>Confronta con la mappa 2014 delle Start-up Innovative

Reattività alla crisi

A fornire dati precisi sull’ “Indice di reattività” relativo alle singole regioni è l’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese.Il rapporto tra il numero di imprese fallite e le nuove iscrizioni è positivo soprattutto al Sud, sebbene la prima posizione della  classifica sia occupata dalla Regione Valle d’Aosta (65 start-up per ogni fallimento). Nel Meridione è la Basilicata a guidare la graduatoria (al secondo posto della classifica nazionale) con 47 nuove imprese ogni fallimento, mentre in Molise l’Indice di reattività è pari a 41,1. Calabria, Sardegna e Puglia sono caratterizzate rispettivamente da 40, 38 e 37.

IMPRESE ATTIVE TOTALI DI MONZA E BRIANZA PER SETTORI DI ATTIVITA

=> Fallimenti: come fare domanda di indennità dal 2015

In Lombardia il rapporto tra le nuove imprese e i fallimenti si caratterizza per 18,9 su 27,3, tuttavia spetta alla regione il primato per quanto riguarda il numero di nuove iscrizioni al Registro Imprese: tra gennaio e settembre 2014, infatti, sono nate 44mila start up.

Le tabelle con i dati su iscrizioni e fallimenti divisi per Regione sono pubblicate sul sito della CCIAA di Monza e Brianza.