Stretta Prestiti PMI, la metà non paga le rate

di Noemi Ricci

scritto il

Ancora difficoltà di accesso al credito per le PMI, che nella metà dei casi non riescono a pagare le rate o si vedono negare il prestito dalle banche: i dati del Rapporto mensile ABI.

Nessun sintomo di ripresa all’orizzonte per le PMI, per le quali non accenna ad attenuarsi la crisi del credito e del rapporto imprese-banche. Secondo una recente indagine Androknoss, la metà delle PMI non riesce a pagare le rate dei prestiti, mentre il 39% ha visto negata la propria richiesta di finanziamento da parte di almeno tre banche nell’ultimo anno.

=> Accesso al credito PMI: meglio le banche locali

Prestiti alle imprese

Gli istituti bancari sono propensi a concedere credito solo in presenza di un basso rischio. Per quanto riguarda la capacità di onorare i propri prestiti:

  • il 47% delle PMI dichiara di aver accumulato un ritardo di pagamento superiore a tre rate nell’arco dell’ultimo anno;
  • il 33% ritiene inoltre di non essere in grado di riprendere a pagare con regolarità nel corso del prossimo anno.

=> Accesso al credito: un modello di valutazione per le PMI

A confermare il quadro di difficoltà delle PMI il Rapporto mensile ABI, il quale rivela come sia ancora negativa la variazione dei prestiti a famiglie e imprese, anche se in attenuazione: “i finanziamenti a famiglie e imprese si posizionano sul -2,9% come variazione annua a febbraio 2014, era -2,3% a gennaio 2014 e -4% a dicembre 2013. L’andamento risente del persistere della negativa evoluzione delle principali grandezze macroeconomiche (PIL e Investimenti). Dalla fine del 2007, prima dell’inizio della crisi, dice il Rapporto – ad oggi i prestiti all’economia sono passati da 1.673 a 1.855 miliardi di euro, quelli a famiglie e imprese da 1.279 a 1.430 miliardi di euro”, si legge nel Rapporto.

=> Mutui immobiliari in ripresa: importi, durata e agevolazioni

Tassi di interesse

Per quanto riguarda i tassi di interesse sui prestiti, a febbraio 2014 “si sono assestati in Italia su livelli storicamente molto bassi: il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è posizionato al 3,44% (dal 3,50% del mese precedente e segnando il valore più basso da settembre 2011; 5,72% a fine 2007); il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è posizionato al 3,42% (3,41% a gennaio 2014; 5,48% a fine 2007). Il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,89% (3,90% il mese precedente; 6,18% a fine 2007)”. Per maggiori informazioni consulta il Rapporto mensile ABI.

I Video di PMI