Al WCIT il futuro delle regole Internet e TLC

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Ha aperto le porte a Dubai la World Conference on International Telecommunications (WCIT), conferenza mondiale per la definizione di nuove regole in materia di Internet e Telecomunicazioni.

A Dubai fino al 14 dicembre è di scena la Conferenza Mondiale sulle TLC Internazionali (WCIT), organizzata dall’ITU (International Telecommunication Union), l’agenzia ONU per le Telecomunicazioni.

Sul piatto, la revisione delle regole internazionali per le TLC e Internet, cercando di trovare un compromesso tra regolamentazione e libertà della Rete.

Nel corso della conferenza si stanno cercando di definire anche i trattati e gli accordi chiave in grado di facilitare l’interconnessione globale e l’interoperabilità dei servizi di comunicazione, per una creazione di reti e soluzioni davvero di frontiera.

Leggi anche: ITU, Banda larga e digital divide nel 2012

Un’impresa tutt’altro che facile, poiché lo scontro vede protagoniste parti ideologicamente distinte tra loro: da una parte gli Stati Uniti, che tramite l’Icann già controllano le regole di Internet, dall’altra Russia e Cina favorevoli ad un maggiore controllo della Rete e infine gli operatori europei delle Telecomunicazioni tra due fuochi.

In sostanza, si teme che la necessità di nuove regolamentazioni offra la giustificazione legale a misure repressive, mirate ad imbavagliare la Rete.

Tra le proposte destinate a far discutere, una sorta di “tassa di Internet”, proposta dall’Associazione delle reti di telecomunicazioni europea per le aziende che operano sul Web.

La discussione a Dubai si preannuncia così particolarmente “calda” e difficoltosa, nonostante da un punto di vista pratico difficilmente si assisterà a risultati significativi: l’ITU prevede infatti che le nuove misure debbano essere approvate all’unanimità.

Basta un solo voto contrario su 200 per affossare ogni proposta.