Gartner: mercato Pc in calo in Europa

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Secondo i dati Gartner, le vendite di Pc in Europa nel terzo trimestre 2009 hanno subito un calo dello 0,3% rispetto al 2008. Attesa una ripresa a partire dal quarto trimestre che proseguirà nel 2010

I dati Gartner sul mercato europeo dei personal computer indica un leggero ma evidentemente calo nel terzo trimestre 2009, con una decrescita dello 0,3%, se comparato allo stesso periodo del 2008. Gli analisti prevedono però una leggera ripresa nel quarto trimestre, con una ulteriore crescita nel corso del 2010.

Le vendite relative ai cinque principali vendor europei sono state pari a 16.690.000 unità, con una lieve contrazione rispetto al 2008, nel quale sono stati venduti 16.742.000 personal computer.

Leader del mercato si conferma ancora una volta Acer, con una quota pari al 28,3%, in crescita rispetto al 23,3% del terzo trimestre 2008. Seguono a ruota HP, con una percentuale pari al 21,5% (21,2% nel 2008) e Dell, con una percentuale del 9,5%, in calo rispetto al 11,9% dell’anno precedentemente.

In terza posizione Asus con una percentuale del 6,5%, contro il 6,6 dell’anno precedente, seguita da Toshiba, con il 5,8% del mercato (5,5% nel terzo trimestre 2008). I restanti produttori totalizzano una percentuale di mercato pari al 21,4%, in calo rispetto al 31,6 del Q3 2008.

Ancora una volta, i Netbook si sono dimostrati capaci di trainare il mercato dei personal computer, con livelli di vendite che hanno sorpreso anche i produttori.

Nonostante il clima di incertezza generato dalla crisi dell’economia resti ancora diffuso, mercati come quello di Spagna e Nord Europa, hanno mostrato chiari segnali di declino, mentre i mercati più ampi, come ad esempio quelli di Germania e Francia, hanno mostrato chiari segni di crescita.

In generale comunque il mercato che si è dimostrato più robusto è stato certamente quello indirizzato all’utenza consumer, mentre il mercato professionale appare decisamente più problematico.

I Video di PMI

I Gruppi saranno il futuro di Facebook?