Tratto dallo speciale:

Bollette luce: Mercato Libero più conveniente del Tutelato

di Redazione PMI.it

scritto il

Prezzi luce: il Mercato Libero batte il Tutelato e risulta il 15% più conveniente: i dati dell'Indice Selectra SQ che monitora i prezzi dell’energia.

=> Aumento bollette a doppia cifra

A partire dai primi giorni di ottobre, per via dell’entrata in vigore delle nuove tariffe della luce, i prezzi dell’energia elettrica sul Mercato Libero risultano più convenienti di quelli del Servizio di Maggior Tutela.

Le nuove tariffe del Servizio di Maggior Tutela risultano oggi del 15% più care della media del Mercato Libero, attestandosi attorno a 44,4 €/MWh per la sola componente energia per le offerte bloccate a 12 mesi.

In base all’Indice Selectra SQ lanciato a luglio 2020, è possibile arrivare a risparmiare fino a 50% della spesa in bolletta dovuta alla componente energia se il confronto viene effettuato con le offerte più convenienti sul Mercato Libero monitorate dall’Indice.

=> Mercato Libero vs Maggior tutela

I nuovi prezzi dell’energia

Questo effetto è stato generato dall’aumento nel quarto trimestre 2020 delle bollette della luce nel Mercato Tutelato annunciato dall’Autorità, ARERA, ed entrato in vigore dal 1° ottobre, dopo un lungo periodo di prezzi regolati rimasti stabilmente bassi.

Ad aver subito un rialzo sono state le voci della bolletta della luce non strettamente legate al consumo energetico e stabilite non dal singolo fornitore ma dall’Authority. Di contro il Mercato Libero per ora non ha reagito con un conseguente rialzo e per questo attualmente risulta più conveniente.

=> Bollette Luce e Gas: come risparmiare

Oggi ci sono ancora quasi 15 milioni di famiglie italiane, ovvero circa metà delle utenze domestiche del Paese, ancora nel Mercato Tutelato. Il passaggio obbligatorio al Mercato Libero per i consumatori domestici dovrebbe avvenire entro gennaio 2022.

I Video di PMI

Aumento IVA: la clausola di salvaguardia