Tratto dallo speciale:

Brand in Italy, il marchio spinge il fatturato

di Redazione PMI.it

scritto il

Il report di Prometeia "Brand in Italy" fotografa numeri e tendenze del Made in Italy e dei suoi protagonisti: non solo grandi brand ma anche PMI eccellenti.

Nei settori più strategici per il Made in Italy le imprese a marchio, che puntano sulla qualità del prodotto, valgono oltre la metà del fatturato: grandi brand ma anche diverse PMI che individuano trend emergenti (green e sostenibilità in primis) ed esprimono eccellenze, mentre i mercati più attrattivi restano Europa, Stati Uniti e Cina.

Sono alcune delle evidenze che emergono dal report Prometeia Brand in Italy (disponibile per il dowload in pdf), che si focalizza su cinque settori: agroalimentare, sistema moda, sistema casa, auto e componenti, sport e tempo libero.

In questi segmenti del Made in Italy, le imprese a brand valgono 165 miliardi di euro (60% dell’intero fatturato) e nella maggior parte dei casi hanno recuperato i livelli pre-crisi con performance migliori dei competitor sia in termini di ricavi che di risultato. Il settore che ha segnato la maggior crescita negli ultimi cinque anni è l’auto (+54%), gli altri evidenziano comunque performance superiori al 10%.

I trend emergenti (come risultano dalle indagini di web analytics): attenzione alla salute per il settore food, attenzione al territorio per moda e arredamento, performance e materiali per auto e prodotti sportivi. Fra gli highlights generali, di interesse per le PMI, la capacità di individuare tendenze di mercato (come l’ambiente) o target specifici di utenza (come i millennial).

Infine i mercati: le prime 30 destinazioni internazionali per il Made in Italy valgono 120 miliardi di euro e nei prossimi cinque anni aumenteranno la domanda potenziale di quasi 20 miliardi. Sul podio, Europa, Stati Uniti e Cina (+10 miliardi nei prossimi cinque anni).

Potenziale di medio periodo per India, Brasile, Turchia, Messico e Australia, mentre si segnala una potenziale criticità per mercati asiatici come Giappone e Corea: le caratteristiche dei siti aziendali (dalle barriere linguistiche ai tempi di caricamento delle vetrine digitali) possono frenare il consumatore, un gap che se non affrontato rischia di minare il potenziale delle imprese italiane.

Forti aspettative di crescita verso India, Emirati Arabi e Sud Africa.