Voucher per lavoratrici madri in Toscana

di Teresa Barone

scritto il

Buoni spendibili in servizi di cura dei minori a favore delle madri lavoratrici domiciliate o residenti nella Provincia di Arezzo.

La Provincia di Arezzo promuove l’occupazione femminile avviando un nuovo progetto volto a favorire la permanenza delle lavoratrici madri nel mercato del lavoro: il bando “Mary Poppins”, infatti, mette a disposizione voucher spendibili in servizi di cura per i minori richiedibili dalle donne occupate con figli di età inferiore a 13 anni.

Voucher per servizi di cura

I voucher consentono l’accesso ai servizi di cura dei minori (prestazioni a carattere occasionale o continuativo ma di breve durata ) offerti dagli operatori presenti negli elenchi “Mary Poppins” predisposti dalle Zone Socio-Sanitarie di Arezzo, Casentino, Valdarno,Valdichiana, Valtiberina. Ciascun buono consente di usufruire di servizi di cura, accompagnamento a scuola (attività sportive e varie), supporto nello svolgimento dei compiti a casa e altre attività ludiche.

Come richiedere i buoni

Un buono finalizzato all’acquisto di un servizio di cura di un’ora corrisponde all’importo di 4 euro: ciascuna richiedente può accedere a un massimo di 150 buoni servizio per un figlio. Le richieste possono essere presentate fino al 20 dicembre 2013 o, nel caso in cui le risorse disponibili non siano esaurite, entro il 31 dicembre 2014. Tutti i dettagli del progetto “Mary Poppins” sono pubblicato sul sito della Provincia di Arezzo. (=> Leggi tutte le news per le PMI della Toscana)