Tratto dallo speciale:

Troppi precari in Italia: correggere la Riforma del Lavoro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Aumentato vertiginosamente il numero di precari in Italia, soprattutto contratti a tempo determinato e part-time forzati: il report Ires Cgil su dati ISTAT mostra le lacune della Riforma del lavoro Monti-Fornero.

Secondo l’ultimo rapporto della Ires Cgil a causa della crisi attualmente in Italia ci sono quattro milioni di lavoratori precari e l’andamento sembra peggiorare di anno in anno. La ricerca si basa sui dati Istat riferiti al primo semestre di ogni anno.

=> Leggi i dati sul precariato in Italia

Rispetto al 2018 i contratti considerati in area di disagio (contratti a tempo determinato e part-time obbligati) sono cresciuti del +214% (+718.000 unità).

Nello stesso periodo è calata anche l’occupazione, passata da 23 milioni 376 mila a 22 milioni 919 mila, diminuendo di 45 mila unità (-2%), «nonostante il numero delle persone in età di lavoro sia aumentata di circa 500 mila unità», si legge nella ricerca.

=> Leggi i dati aggiornati su occupazione e disoccupazione

I contratti a tempo indeterminato a tempo pieno sono diminuiti di 544 mila unità, pari al -4,2% e in generale rappresentano il 17,2% delle nuove assunzioni; gli autonomi full time di 305 mila, pari al – 6,1%; i part time stabili per propria scelta di -215 mila unità. Il 93,2% dei lavoratori con contratto a termine vorrebbe un lavoro stabile, i part time involontari – ovvero costretti ad accettare la condizione in mancanza di alternative migliori – che aumentano di anno in anno, vorrebbero un lavoro a tempo pieno.

=> Leggi la norma: Part-time, convertito a tempo pieno se prolungato

«Questi numeri spiegano il costante e davvero preoccupante peggioramento delle condizioni di lavoro. Anche chi è occupato, infatti lavora meno di quanto vorrebbe e a condizioni diverse da quelle auspicate. Altro che choosy» commentano i ricercatori Ires.

=> Altro che choosy: leggi i dati Bankitalia su giovani e lavoro

L’indagine dimostra come sia necessario aggiungere all’area del mancato lavoro (disoccupati, scoraggiati e cassaintegrati) quella del disagio nel lavoro: un quadro «sicuramente determinato dalla crisi, ma anche e in modo evidente delle scelte sbagliate fatte per contrastarla che producono effetti insopportabilmente negativi sull’occupazione. È la conferma, basata su dati di fatto, di un giudizio severo e negativo sull’operato del Governo», dichiarano il presidente della Fondazione Di Vittorio, Fulvio Fammoni e il segretario nazionale della Cgil, con delega sul mercato del lavoro, Serena Sorrentino.

«La legge 92/2012 di riforma del mercato del lavoro, in particolare su precarietà ed ammortizzatori sociali, è del tutto inadeguata ed ancor più paradossale appare il taglio che si annuncia nella Legge di Stabilità degli ammortizzatori sociali: due fattori che aumenteranno ulteriormente quest’area di disagio», concludono Fammoni e Sorrentino.

=> Vai allo Speciale Riforma del Lavoro

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali