Bankitalia: imprese in successione? Cala la reddività

di Chiara Bolognini

scritto il

Da uno studio di Bankitalia emerge che se l'impresa viene lasciata in eredità ai diretti successori cala la redditività. Meglio manager esterni

Se siete imprenditori in procinto di andare in pensione e avete deciso di lasciare l’attività in mano ai vostri diretti successori, pensateci su due volte: le imprese in successione potrebbero soffrire di un calo di redditività.

Dalla ricerca empirica

Successione familiare e performance d’impresa: evidenze dalle imprese familiari italiane
, infatti, realizzata da esperti di settori della Banca d’Italia, emerge chiaramente che la successione – criterio che non tiene conto della effettiva propensione per il ruolo manageriale, degli skill necessari e della migliore formazione per soddisfare le priorità del core business di quella particolare impresa – può minare la redditività dell’impresa stessa.

Come dire che il talento e il fiuto per gli affari non si trasmettono per via ereditaria, e passare il timone al parente può causare più danni che vantaggi.

La ricerca Bankitalia, condotta da Marco Cucculelli e Giacinto Micucci, è stata condotta analizzando un campione di 3.500 imprese manifatturiere – comprese Pmi – distribuite fra 4 regioni, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Abruzzo, verificando risultati e performance nell’arco di un decennio.

Il risultato è senza appello: nei 220 casi in cui il fondatore dell’impresa abbia lasciato il comando a un diretto discendente si è verificata una evidente flessione della redditività.

La situazione migliora, invece, se l’eredità viene affidata alla gestione di un top manager esterno più orientato a un approccio puramente “pro business” e pronto ad attuare i cambiamenti necessari a un’eventuale ristrutturazione di un’impresa che navighi in cattive acque.