Bonus babysitter: quale trattamento fiscale?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Francesca chiede

Volevo sapere se la retribuzione del bonus baby sitter è equiparabile a reddito da lavoro dipendente o reddito assimilato.

Barbara Weisz risponde

Il bonus baby sitter non è equiparabile a nessuna delle fattispecie da lei ipotizzate, si tratta di una prestazione occasionale che non fa reddito. Lo prevede l’articolo 54-bis del dl 50/2017, in base al quale il lavoratore può sommare al massimo 5mila euro annui di reddito con questo strumento, di cui 2.500 al massimo per un singolo prestatore. Anche l’utilizzatore può arrivare al massimo a 5mila euro annui di bonus baby sitter.

I compensi percepiti dal prestatore sono esenti da imposizione fiscale, non incidono sullo stato di disoccupazione e sono computabili ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

=> Ritenuta su compensi: aliquote, calcolo e versamento

Ci sono poi una serie di casistiche precise, a cui si può applicare questa forma di lavoro occasionale, inserite nel comma 8 del sopra citato articolo 54-bis (per esempio, pensionati, studenti fino a 25 anni, disoccupati).