Tratto dallo speciale:

Aspi da gennaio 2013: Fornero quantifica indennità e tutele

di Barbara Weisz

scritto il

Il ministro Fornero spiega l'Aspi e nuovi ammortizzatori in vigore da gennaio 2013 in base alla Riforma del Lavoro: tutela estesa e assegno più alto rispetto alla disoccupazione.

La Riforma degli ammortizzatori sociali, con Aspi e mini Aspi dal 2013, «potrà contribuire a ridurre l’ansia e il disagio di molte famiglie» in un periodo di «forte difficoltà sociale», anche perché la «nuova copertura assicurativa viene estesa a categorie finora prive di tutela» con assegni  più alti di quelli previsti in precedenza: parola del ministro Elsa Fornero, che ha presentato i nuovi sussidi della Riforma del Lavoro al Corriere della Sera.

=> Ecco i nuovi ammortizzatori della Riforma del Lavoro

L’assicurazione per l’impiego Aspi sostituisce da gennaio 2013 l’indennità di disoccupazione e la mini Aspi va a tutelare i precari rimasti senza lavoro.
Dal 2017 l’Aspi sostituirà anche l’attuale indennità di mobilità, mentre la cassa integrazione resta e resterà invariata.

Aspi e mini Aspi in pillole

A regolamentare i nuovi ammortizzatori è l‘articolo 2 della Riforma del Lavoro (legge 92/2012). Le principali caratteristiche dell’Aspi:

  • si applica ai lavoratori dipendenti con anzianità contributiva di due anni,
  • è estesa ad apprendisti e soci lavoratori di cooperative,
  • nel 2013 dura 8 mesi per gli under 50 e 12 mesi per gli over 50 con scatti graduali fino al 2016 quando di stabilizzerà a 12 mesi per gli under 54 e a 18 mesi per gli altri,
  • l’indennità dipende dalla retribuzione dell’ultimo biennio (intorno all’80%).
  • è finanziata dalle aziende (anche le PMI), che pagano un contributo dell’1,61%.
  • prevede un contributo aggiuntivo dell’1,4% per i contratti a termine (quindi 3,01% totali),
  • implica una sorta di incentivo a trasformare i contratti a termine in contratti a tempo indeterminato: all’azienda vengono restituite fino a sei mensilità del contributo addizionale.

=>Scopri a quali lavoratori spetta l’ASPI

La Mini Aspi è invece riconosciuta a chi ha almeno 13 settimane di lavoro negli ultimi 12 mesi. E’ corriposta per un numero di settimane pari alla metà di quelle lavorate nell’ultimo anno (quindi per un massimo di sei mesi) e la sua indennità è calcolata come l’Aspi.

=>Leggi la Guida INPS sull’applicazione dell’Aspi in azienda

Assegni e indennità

La titolare del Welfare fornisce cifre precise: «un lavoratore che percepisca 1.300 euro al mese per 13 mensilità avrebbe percepito 877 euro di mobilità o 845 euro di disoccupazione« mentre «con l’Aspi ne prenderà 927» quindi «rispettivamente il 6% e il 10% in più» rispetto al vecchio sistema.

Altro esempio: un lavoratore che guadagnava 1.800 euro, avrebbe preso 877 euro di mobilità e 931 di disoccupazione, mentre con l’Aspi prenderà 1062 euro, rispettivamente il 21% e il 14% in più».

«Anche la durata è stata aumentata» sottolinea il ministro: nel 2013 sarà uguale a quella della disoccupazione (8 mesi per i lavoratori sotto i 50 anni), e poi inizierà a crescere arrivando a coprire, nel 2016, 12 mesi per gli under 54 e 18 mesi per chi ha superato questa età.

I punti critici

Sui nuovi ammortizzatori resta critica la posizione dei sindacati, in particolare su un punto: il fatto che l’Aspi dal 2017 sostituirà la mobilità. E’ infatti vero, come sottolineato dal ministro Fornero, che l’indennità copre un periodo più lungo rispetto all’attuale disoccupazione, ma la stessa considerazione non vale per la mobilità, che invece può durare (con le proroghe) fino a quattro anni.

I Video di PMI

Consultazione dei sussidi di disoccupazione INPS