La pensione anticipata: Riforma Fornero e del Lavoro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Con la riforma del lavoro potrebbero arrivare anche i fondi per le pensioni anticipate e un fondo di solidarietà per la cassa integrazione delle piccole imprese. Chiarimenti anche sulle pensioni anticipate inserite nella riforma delle pensioni.

La riforma del lavoro, ancora in discussione potrebbe portare importanti novità anche sul fronte delle pensioni, consentendo ai lavoratori, sotto determinate condizioni, di uscire dal mercato del lavoro con quattro anni d’anticipo.

La soluzione individuata dal ministro del welfare Elsa Fornero è di istituire dei fondi, a carico delle imprese, per concedere pensioni anticipate rispetto a quelle previste in base ai requisiti definiti dalla recente riforma delle pensioni.

I nuovi fondi per favorire l’uscita dal lavoro dei lavoratori anziani e il nuovo contributo di licenziamento sono tra le più interessanti novità inserite dal governo Monti nel documento inviato alle associazioni sindacali e imprenditoriali

Fondi per pensioni anticipate

La proposta di Fornero sui nuovi fondi per favorire le pensioni anticipate prevede la stipula di accordi tra imprese e sindacati.

In ogni caso la domanda di pensionamento anticipato dovrà essere presentata all’INPS, al quale le imprese dovranno effettuare versamenti mensili per la prestazione e per la contribuzione figurativa, oltre a disporre di una fideiussione bancaria. Per il calcolo dell’assegno di pensione varranno le regole vigenti.

Cassa integrazione per PMI

Le imprese sotto i 15 dipendenti attualmente non sono coperte dalla cassa integrazione, così il ministro Fornero ha proposto l’istituzione di un fondo di solidarietà obbligatorio  che riguarderà tutti i settori e tutte le imprese. La creazione dei fondi sarà sempre soggetta ad appositi accordi tra sindacati e imprese.

Manovra finanziaria art. 24, commi 10 e 11

In ogni caso, come ribadito da una circolare INPS sulla riforma delle pensioni Fornero, la legge 22 dicembre 2011, n. 214, di conversione con modificazioni del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici” all’articolo 24 ha disposto che i soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 possano andare in pensione anticipata a partire dal 1° gennaio 2012 i se in possesso delle seguenti anzianità contributive:

  • dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012: uomini 42 anni e 1 mese, donne 41 anni e 1 mese;
  • dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013: uomini 42 anni e 5 mesi, donne 41 anni e 5 mesi;
  • dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015: uomini 42 anni e 6 mesi, donne 41 anni e 6 mesi;
  • Dal 1° gennaio 2016: uomini 42 anni e 6 mesi, donne 41 anni e 6 mesi.

Da chiarire che «ai fini del raggiungimento di tale requisito è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dellassicurato, fermo restando il contestuale perfezionamento del requisito di 35 anni di contribuzione utile per il diritto alla pensione di anzianità disciplinata dalla previgente normativa».

Inoltre «per i soggetti che accedono alla pensione anticipata ad unetà inferiore a 62 anni si applica, sulla quota di trattamento pensionistico relativa alle anzianità contributive maturate al 31 dicembre 2011, una riduzione pari ad 1 punto percentuale per ogni anno di anticipo nellaccesso al pensionamento rispetto alletà di 62 anni; tale percentuale annua è elevata a 2 punti percentuali per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni».

La riduzione però si applica solo sulla quota dell’assegno di pensione calcolata secondo il sistema retributivo.

Decorrenza delle prestazioni pensionistiche (art. 24, comma 5)

La riforma del sistema pensionistico del governo Monti ha eliminato la finestra mobile (art. 12 del decreto legge n. 78 del 2010, convertito con modificazioni dalla legge n. 122 del 2010) per i soggetti che a decorrere dal 1° gennaio 2012 maturano i requisiti per laccesso alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata.

Questo significa che le pensioni, compresa quella anticipata, decorrono dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda, previa cessazione del rapporto di lavoro dipendente.

I Video di PMI

Decreto Agosto: le misure del pacchetto lavoro