Occupazione giovani: tutti i programmi attivi

di Noemi Ricci

scritto il

Bilancio delle iniziative del Ministero contro la disoccupazione giovanile: Garanzia Giovani, Crescere in Digitale, Crescere imprenditori, Fondo SELFIEmployment, FlixBus 4 Young, Young Digital, BizSpark e Eng4work.

Il Ministero del Lavoro ha reso noti i risultati ottenuti dalle varie iniziative avviate volte a favorire l’occupazione giovanilea partire dal programma Garanzia Giovani, proseguendo con Crescere in Digitale, Crescere imprenditori, Fondo SELFIEmployment, FlixBus 4 Young, Young Digital, BizSpark e Eng4work.

Garanzia Giovani

Continuano a credere nel programma Garanzia Giovani, che ha lo scopo l’inserimento nel mercato del lavoro di giovani tra i 15 e i 29 anni, i Neet under 30 italiani: quelli complessivamente registrati sono ad oggi 1.232.859. Al netto delle cancellazioni il numero è comunque ragguardevole: 1.059.740.

=> Speciale Garanzia Giovani

Ma ancora più incoraggianti sono i numeri relativi alle prese in carico di Neet da pate dei Servizi per l’Impiego: 830.916, dei quali a 433.302 è stata proposta almeno una misura tra: accoglienza, orientamento, formazione, accompagnamento al lavoro, apprendistato, tirocinio, servizio civile, sostegno all’autoimprenditorialità, mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o in Paesi UE, bonus occupazionale per le imprese e formazione a distanza.

In Sicilia si evidenzia il numero più alto di registrazioni, con una rappresentanza quasi del 15% del totale (178.936 unità), tra le misure previste c’è il bonus occupazionale grazie al quale sono stati assunti 6.309 under 30 siciliani. Seguono Campania (11%) e Lombardia (10%).

SELFIEmployment

Tra le possibilità a disposizione dei giovani iscritti al programma, anche se non hanno partecipato o completato il percorso di accompagnamento finalizzato all’autoimprenditorialità, c’è quello di aderire al Fondo SELFIEmployment pensato per i giovani che vogliono mettersi in proprio. La domanda di agevolazione va inviata a Invitalia.

=> Imprenditoria giovanile: gli incentivi previsti

Crescere in Digitale

Un’altra iniziativa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che sta riscuotendo grande successo è “Crescere in Digitale”, nata dalla collaborazione con Unioncamere e Google per promuovere e diffondere le competenze digitali dei giovani iscritti a Garanzia Giovani e avvicinare le imprese italiane al web. Secondo i dati del Ministero, a sessantasei settimane dal lancio dell’iniziativa sono 82.572 i giovani iscritti, di questi 47.122 hanno completato il primo modulo e 7.776 hanno completato tutto il corso.

Crescere imprenditori

Crescere imprenditori” è invece il progetto nazionale, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attuato da Unioncamere per supportare e sostenere l’autoimpiego e l’autoimprenditorialità, attraverso attività mirate di formazione e accompagnamento all’avvio d’impresa. Ad oggi i giovani che hanno svolto e superato il test online sono 2.027 dei quali 1.033 sono stati avviati ai percorsi e 650 li hanno conclusi con profitto.

Accordi con le aziende

Per favorire l’occupazione dei giovani il Ministero ha inoltre stretto accordi con:

  • FlixBus per l’inserimento lavorativo di 220 giovani per i quali è previsto un percorso di tirocinio formativo della durata di tre/sei mesi, anche in mobilità geografica, finalizzato all’assunzione con contratto di apprendistato professionalizzante o a tempo indeterminato;
  • Modis Italia per creare professionisti ICT attraverso dei percorsi formativi alternativi, ovvero dei bootcamp intensivi di 12 settimane che vedono coinvolti 1000 iscritti a Garanzia Giovani;
  • Microsoft Italia per aiutare i giovani a realizzare progetti imprenditoriali a lungo termine, mettendo a loro disposizione dotazioni tecnologiche, consulenza tecnica, commerciale e manageriale, opportunità di visibilità sul mercato e networking con investitori in tutto il mondo;
  • Engineering che offre a 100 giovani la possibilità di intraprendere un percorso di tirocinio formativo extracurriculare della durata di 6 mesi, anche in mobilità geografica, finalizzato all’assunzione con contratto di apprendistato professionalizzante.

.

I Video di PMI

Resto al Sud per giovani imprenditori