Tratto dallo speciale:

Dis-Coll, niente contributi per la pensione

di Barbara Weisz

scritto il

Collaboratori a progetto e parasubordinati con diritto alla Dis-Coll senza contributi figurativi per la pensione, spettano solo con la NASpI: decreto ammortizzatori sociali e Jobs Act.

Niente contributi figurativi per la pensione nella Dis-Coll, il sussidio per collaboratori a progetto e parasubordinati, diversamente dalla NASpI : le regole sul nuovo assegno di disoccupazione sono contenute nel decreto sugli amortizzatori sociali, attuativo del Jobs Act, Dlgs 22/2015 e introduttivo nella nuova assicurazione di sostegno al reddito (in vigore da maggio 2015), nonché della Dis-Coll.

=> NASpI, ASDI e Dis-Coll: a chi spetta l’assegno

Il sussidio dura al massimo sei mesi ed è proporzionale ai mesi di contribuzione versata, senza prevedere contributi figurativi. Tale indicazione è contenuta nel comma 7 dell’articolo 15 del decreto. La Dis-Coll è riconosciuta ai collaboratori che perdono il lavoro nel 2015 (dall’anno prossimo, queste forma forma contrattuale non sarà più applicabile, abolita dal Jobs Act).

Requisiti Dis-Coll

Il lavoratore deve essere iscritto in via esclusiva alla Gestione Separata INPS, senza Partita IVA. Non spetta a sindaci e amministratori delle società. Requisiti: stato di disoccupazione, almeno tre mesi di contribuzione dal primo gennaio 2014 alla perdita del lavoro, un mese di contribuzione oppure un rapporto di collaborazione di almeno un mese con un salario pari almeno a 647,83 euro nel 2015.

=> Indennità Dis-Coll: la domanda INPS

La prestazione è pari al 75% del reddito, più il 25% della differenza fra reddito mensile e 1195 euro nel caso in cui lo stipendio fosse superiore a questo importo. Il tetto massimo è fissato a 1300 euro. Il trattamento si riduce del 3% al mese a partire dal quarto mese di fruizione.

La domanda va presentata all’INPS, in via telematica, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, la prestazione spetta dall’ottavo giorno di disoccupazione, oppure dal primo successivo alla richiesta. E’ compatibile con un una nuova occupazione subordinata fino a cinque giorni, se il contratto è più lungo decade il diritto alla DIS COLL. Per i contratti fino a cinque giorni, il trattamento viene sospeso.