Infortuni lavoro e rendite INAIL: importo indennizzi

di Redazione PMI.it

scritto il

Nuovi importi per la liquidazione di premi INAIL: decreti ministeriali per industria, agricoltura, marittimi e medici radiologi.

Nuove tariffe INAIL per agricoltura, medici radiologi, industria, marittimi. I massimali sono dettagliati nei decreti ministeriali del 2 agosto scorso (decreti 93, 94 e 95/2019), pubblicati sul portale del Ministero del Lavoro e si applicano dallo scorso primo luglio 2019. Vediamoli.

Industria

La retribuzione media giornaliera per la liquidazione dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro è fissata in 78,83 euro ai fini della determinazione del minimale e del massimale della retribuzione annua, i quali, di conseguenza, sono stabiliti, a decorrere dal 1 luglio 2019, nella misura di 16mila 554,30 e di 30mila 743,70 euro. L’assegno per l’assistenza personale continuativa è di 545,02.

=> Infortuni lavoro: nuove regole di risarcimento INAIL

Agricoltura

La retribuzione annua convenzionale per la liquidazione delle rendite per inabilità permanente è fissata a 24mila 981,61 euro. La retribuzione annua convenzionale per la liquidazione delle rendite dirette e a superstiti costituite con decorrenza 1 giugno 1993, in favore dei lavoratori autonomi di cui all’articolo 205, primo comma, lettera b), del Testo Unico per l’assicurazione obbligatoria, è di 16mila 554,30 pari al minimale dei lavoratori dell’industria. L’assegno per l’assistenza personale continuativa, sempre dal 1 luglio 2019, è fissato in 545,02 euro.

Medici radiologi

La retribuzione annua convenzionale per la liquidazione delle rendite a favore dei medici colpiti da malattie e da lesioni causate dall’azione dei raggi X e delle sostanze radioattive, è fissata in 61mila 385,80 euro con effetto dal 1 luglio 2019.

Marittimi

Il decreto sulle nuove tariffe INAIL per l’industria contiene anche i nuovi massimali per i componenti lo stato maggiore della navigazione marittima e della pesca marittima. I massimali di retribuzione annua: 44mila 270,93 euro per i comandanti e i capi macchinisti, 37mila 507,31 per i primi ufficiali di coperta e di macchina, 34mila 125,51 euro per gli altri ufficiali. L’assegno per l’assistenza personale continuativa è sempre di 545,02.