Omessa assunzione disabili: sanzione immediata

di Redazione PMI.it

scritto il

Sanzione immediata in caso di omessa assunzione di disabili o appartenenti alle categorie protette: come si calcola.

L’omessa assunzione entro i termini di legge dei soggetti disabili o appartenenti alle categorie protette, costituisce un illecito di natura giuridica, come previsto dall’art. 15, comma 4, L. n. 68/1999. In questi casi, dunque, si applica sanzione immediata al datore di lavoro.

Omessa assunzione disabili

L’illecito in parola si realizza trascorsi 60 giorni dalla data in cui insorge l’obbligo di assumere soggetti appartenenti alle categorie di cui all’articolo 1 della sopra citata legge.

=> Assunzione disabili nella PA anche senza concorso

L’illecito (cfr.: nota n. 6316/2018 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro) comporta che:

per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta, per cause imputabili al datore di lavoro, la quota dell’obbligo di cui all’articolo 3, il datore di lavoro stesso è tenuto al versamento, a titolo di sanzione amministrativa, al Fondo di cui all’articolo 14, di una somma pari a cinque volte la misura del contributo esonerativo di cui all’articolo 5, comma 3-bis, per ciascun lavoratore disabile che risulta non occupato nella medesima giornata.

Illecito istantaneo: conseguenze

In proposito, il Ministero del Lavoro aveva già chiarito, con la circolare n. 23/2001, che la sanzione amministrativa di 100.000 lire (62,77 euro)  per ogni giorno lavorativo e per ciascun lavoratore disabile che risulta non occupato nella medesima giornata va applicata:

A partire dal 61° giorno successivo a quello in cui è maturato l’obbligo senza che sia stata presentata la richiesta di assunzione agli uffici competenti a norma dell’art. 9, comma 1, ovvero dal giorno successivo a quello in cui il datore di lavoro, pur avendo ottemperato nei termini all’obbligo di richiesta, non abbia proceduto all’assunzione del lavoratore regolarmente avviato dai nuovi Servizi per l’impiego.

Ne consegue, spiega l’Ispettorato:

Che l’illecito va correttamente configurato come istantaneo ad effetti permanenti, atteso che la condotta omissiva si consuma nel momento in cui spira il termine previsto ex lege, senza che il soggetto sul quale grava l’obbligo giuridico di facere (assunzione entro il 60° giorno dall’insorgenza dell’obbligo) provveda. Gli effetti offensivi della condotta così perfezionatasi, invece, si protraggono nel tempo fino a quando la situazione antigiuridica non viene rimossa secondo le modalità chiarite dalla nota INL del 23 marzo 2017.

La natura di illecito istantaneo ha evidentemente riflessi sull’individuazione della norma applicabile, in caso di successione di leggi nel tempo. Infatti agli illeciti commessi sotto la vigenza della vecchia norma – i cui effetti continuano a prodursi anche dopo l’entrata in vigore, in data 8 ottobre 2016, della nuova misura sanzionatoria prevista dall’art. 5, comma 1 lett. b), del D.L. n. 185/2016 – troverà applicazione la sanzione vigente al momento della consumazione dell’illecito, per il noto principio “tempus regit actum”.

Allo stesso modo, anche ai fini della prescrizione si avrà riguardo, per la sua decorrenza, al momento in cui la condotta si è consumata, ovvero al 61° giorno successivo alla insorgenza dell’obbligo.