Prestiti e mutui: trend in forte ripresa

di Redazione PMI.it

scritto il

Positivo il trend dell'economia del credito, con una buona ripresea delle richieste di mutui, prestiti e finanziamenti, soprattutto per l'acquisto di auto.

In una situazione economica alquanto precaria per via del perdurare dell’epidemia da Coronavirus, con lo scenario italiano che nel suo complesso nei mesi scorsi ha mostrato alcuni segnali di lenta ripresa, l’economia del credito sembra allungare il passo in modo più deciso, mostrando segnali di ripresa più marcati.

A rivelarlo è il nuovo Rapporto sul Credito Italiano – Trends &Insights pubblicato da Experian. Vediamo i trend nel dettaglio con riferimento ai mutui e prestiti del mese di settembre, sulla base dei dati raccolti dal sistema di informazioni creditizie, che raccoglie oltre 80 milioni di posizioni.

=> Tempistiche mutuo: dalla richiesta in banca alla concessione

Mutui e prestiti in numeri

Il trend legato alle richieste di mutui e prestiti risulta molto positivo:

  • +59% le richieste di mutuo;
  • +278% i prestiti finalizzati;
  • +102% i prestiti personali.

Anche confrontando l’andamento delle richieste di finanziamenti presentante nel periodo precedente allo scoppio dell’emergenza Covid-19 le percentuali di crescita risultano positive, anche se con margini meno importanti:

  • +3,355% i mutui;
  • +6% i prestiti finalizzati;
  • +9% i prestiti personali.

=> Eco-incentivi auto: guida per Rivenditori

Storicamente il mese di settembre è vissuto come un nuovo inizio d’anno, e dopo la pausa estiva si registrano molto spesso dati più positivi. Non sorprende quindi la notevole crescita dei dati rispetto ad agosto: + 21% per i mutui, +42% per i prestiti finalizzati e +58% per i prestiti personali.

Si legge nel report di Experian.

Se confrontati con quelli di settembre 2019, i dati di mutui e prestiti finalizzati restano positivi, rispettivamente +29% e +6%, mentre i prestiti personali segnano un -31%.

Un dato, quello dei prestiti personali, che conferma un trend già evidenziato prima del covid: già dai primi mesi dell’anno si è registrato un netto calo rispetto al 2019. Prima del lockdown, a febbraio (-23%), durante il lockdown si è raggiunto ad aprile il dato più basso (-77%). In questi mesi, sebbene i dati siano sempre negativi, abbiamo registrato una lenta ripresa: luglio (-52%), agosto (-39%) e a settembre (-31%).

Spiega l’analisi Experian.

Tra i prestiti finalizzati, il 38,97% delle richieste ha riguardato l’acquisto di un’automobile.

A chiedere finanziamenti sono in particolare i nati tra il 1960 e il 1980 (60-40 anni) detenendo il:

  • 49% delle richieste di mutuo;
  • 51% delle richieste di prestito finalizzato;
  • 48% delle richieste di prestito personale.

=> Come calcolare la rata di un prestito

A livello territoriale è la Lombardia la zona d’Italia con il maggior numero di richieste di mutuo e prestito personale, mentre per il prestito finalizzato in cima alla classifica troviamo la Campania.

Ovviamente le incognite legate all’evoluzione della pandemia, con indice dei contagi in aumento anche nel nostro Paese, potrebbero avere un impatto significato su questo trend considerata la correlazione osservata durante il lockdown di tali indicatori con la chiusura, anche parziale, delle attività economiche.

Ravvisa Armando Capone, chief commercial officer di Experian.

I Video di PMI