Agile Project Management per il Marketing

Applicare le metodologie Agile Project Management nei progetti di Marketing e nelle campagne Adv, per migliorare la produttività e fattibilità di comunicazione e business.


Marketing
Project Management sono discipline in continua evoluzione. Ciascuna con propria autonomia teorica e metodologica, presentano tuttavia punti di contatto utili ad una proficua integrazione nelle imprese. Una campagna Adv in fondo è un progetto, soprattutto se si deve gestire su canali di comunicazione integrati (Social Media, siti web, Google Adwords, carta stampata, radio, ecc.) coinvolgendo una pluralità di attori (Web agency, concessionarie, centri media, fornitori, testimonial, sponsor, tecnici, ecc.), con vincoli determinati da budget, tempistica e qualità.

=> Agile Project Management per PMI

Marketing Management

Secondo Philip Kotler, il più autorevole studioso di Marketing del mondo, il Marketing Management è:

«L’arte e la scienza dei mercati obiettivo, nonché dell’acquisizione, il mantenimento e la crescita della clientela tramite la creazione, la distribuzione e la comunicazione di un valore superiore per il cliente».

Per gestire progetti così complessi, le metodologie agili o “leggere” (lightweight) di Project Management sono infatti efficaci: emerse negli anni ’90 per facilitare lo sviluppo software in contesti che richiedevano flessibilità e adattabilità del team di progetto, si possono integrare con quelle di Marketing per garantire la fattibilità continua delle campagne, considerando costi, tempistiche e rischi concordati con il committente.

Agilità

La necessità di creare valore continuativo, grazie alla gestione ottimale dei processi, richiede dunque professionisti navigati, meglio ancora se dotati di competenze Agili di Project Management. Secondo Jim Higsmit, grande esperto di Agile Project Management e cofirmatario dell’Agile Manifesto:

«agilità è la capacità di creare e rispondere ai cambiamenti nell’ottica di migliorare il profitto (o produttività) in un ambiente aziendale turbolento, di trovare un equilibrio fra flessibilità e stabilità».

Un elemento che caratterizza i progetti di Marketing è proprio l’elevata instabilità delle condizioni previste: sono frequenti i cambiamenti richiesti dal committente durante una campagna, perché condizionata da variabili che possono mutare nel tempo (palinsesti, budget, modifiche del prodotto, ecc.).

Vantaggi

In base alla mia esperienza, ecco 5 buoni motivi per applicare le metodologie Agili di PM in ambito Marketing:

  1. avviare una riflessione teorica fra gli esperti delle due discipline;
  2. estendere l’ambito di applicazione oltre a quello IT;
  3. testare l’efficacia delle metodologie Agili nel Marketing;
  4. gestire con efficacia progetti di Marketing in ambienti complessi e turbolenti;
  5. costruire un portafoglio progetti esempio (good practice).

Vanno poi considerati i benefici che i metodi agili possono determinare, per i manager ma soprattutto per i clienti che commissionano i progetti:

  • dotare i professionisti di metodologie e tecniche operative valide per il successo dei progetti;
  • focalizzarsi su bisogni di business del cliente;
  • mantenere costante la giustificazione continua di business;
  • creare valore commerciale, d’immagine e sociale per il committente e gli stakeholders coinvolti.

=> Trasformazione digitale con Agile e DevOps

Come integrare le metodologie Agili in questi progetti è un territorio tutto da scoprire, vista la crescente centralità del Marketing in varie sfere sociali (economia, politica, religione, no profit, ecc.) del nostro Paese. Per far incontrare le due discipline sarebbe fruttuoso avviare un confronto fra professionisti e ricercatori di settore, per uno scambio di conoscenze specialistiche ed esperienze pregresse, preziose per migliorarne lo stato dell’arte in una prospettiva integrata e bilaterale.

X
Se vuoi aggiornamenti su Agile Project Management per il Marketing

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy