Tratto dallo speciale:

Amazon SES: le email aziendali attraversano il cloud

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Amazon Simple Email Service (SES) offre alle aziende l'opportunità di gestire il proprio flusso di email senza ricorrere ad infrastrutture esterne. Prezzi vantaggiosi per i clienti Amazon EC2

Amazon incrementa il portfolio di servizi per i suoi Amazon Web Servives con Amazon Simlpe Email Service (SES), soluzione mirata alla gestione delle email aziendali tramite l’infrastruttura cloud interna.

Cade così la necessità di appoggiarsi ad una infrastruttura esterna dedicata per la gestione della posta elettronica e l’integrazione con la piattaforma Amazon EC2 (il servizio è comunque compatibile con altri service AWS) rende il prodotto particolarmente attraente; i clienti EC2 possono infatti sin da subito usufruire di 2000 email gratuite al giorno.

I costi sono quantificati in 10 centesimi di dollaro per ogni 1000 messaggi inviati tramite service non Amazon o in eccedenza al quantitativo gratuito, a fronte di un canone che risulta gratuito fino ad 1Gb di traffico generato e che poi assume una tariffazione a crescere (da 8 a 15 centesimi per gigabyte), a seconda del traffico generato ogni mese.

Amazon Simple Email Service risulta particolarmente appetibile in quanto permette una configurazione personalizzata dei server aziendali utilizzati per l’invio delle email, seppure Amazon non fornisca un vero e proprio pannello di controllo, dove poter gestire tra le altre cose anche le statistiche.

Sono però disponibili API per il controllo del servizio, in grado di sopperire, con un po’ di lavoro, alla mancanza del pannello. Le API permettono di avere informazioni sulle email inviate – permettendo così la creazione di statistiche – sul bounce rate e su molti altri parametri, tutti elementi utili per la gestione di campagne pubblicitarie professionali.

Il servizio è attualmente in una fase beta; le aziende interessate possono già sottoscrivere la propria sottoscrizione del servizio.

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale