E-commerce: poche aziende puntano sul negozio online

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Aumentano le opportunità di business legate all'e-commerce, ma poche aziende hanno negozi online: dati sul commercio elettronico, ostacoli, strategie nel report di Business International.

Luci e ombre sull’e-commerce in Italia: nonostante il web sia il canale di vendita più gettonato dopo i negozi fisici, solo un terzo delle aziende investe in un negozio online. Gioca a sfavore un certo scetticismo nei confronti dell’online, con il timore di non offrire un adeguato servizio ai clienti.

E’ quanto emerge dalla survey “E-Commerce: Scenari, Trend, Limiti ed Opportunità” presentata in occasione della Fiera Milano Media e condotta da Business International su 200 aziende italiane al fine di sondare l’andamento del commercio elettronico in Italia.

=> Approfondisci le strategie vincenti di e-commerce per il 2013

Il negozio fisico risulta ancora il canale di vendita preferito dalle aziende (74%), nonostante l’online retail si stia sempre più affermando attraverso diverse forme: web (58% delle preferenze), Channel Shop (13%), Social Network (12%) e infine Mobile (9%).

Tuttavia, solo il 29% delle aziende dichiara di possedere e utilizzare un negozio online; il 34% dichiara di non aver intenzione di utilizzarne uno, mentre il 37% prevede di implementarlo in futuro, ma non prima di tre anni.

L’82% di chi rifiuta il commercio elettronico ritiene che un negozio online non si addica alla propria tipologia di business; chi guarda invece l’e-commerce con interesse lo ritiene uno strumento in grado di raggiungere particolari target di mercato (67%) e ridurre i costi di struttura e promozione (62%).

=> Ecco gli strumenti web per una buona strategie di e-commerce

Tra i principali ostacoli: la difficoltà a raggiungere soddisfacenti tassi di conversione dei visitatori in clienti – e qui gioca lo scetticismo dei consumatori verso forme di pagamento -, garanzie di qualità sul prodotto, spedizioni e assistenza post-vendita (67%).

Le imprese appaiono in generale preoccupate di offrire un’esperienza ottimale di acquisto ai loro clienti ma non mancano segnali incoraggianti: il 59% del campione intendedestinare una quota maggiore di budget a sviluppo e implementazione di piattaforme e-commerce nel 2013.

=> Consulta una selezione di strategie per l’e-commerce