iPhone, ancora troppo poche le applicazioni business

di Noemi Ricci

scritto il

Sempre più apprezzato anche negli ambienti lavorativi, lo smartphone Apple più amato e invidiato sembra trascurare le applicazioni business: ma è davvero così?

Si torna a parlare di Apple iPhone in azienda: solo un must che fa tendenza o anche un utile strumento di lavoro in ambienti professionali?

A quanto pare il numero di applicazioni adatte per il business è ancora modesto: delle 35mila disponibili sull’App Store, solo 1.600 circa sono destinate alle imprese.

Il grande boom di download di software per iPhone registrato negli ultimi mesi – come evidenzia la società di statistiche web Compete.com – riguarda in gran parte il comparto gaming (79%), mentre solo il 25% dei download tocca le applicazioni business.

In pratica, finchè si utiliza l’iPhone per task generici come leggere email e navigare in Internet problemi non ve ne sono, ma quando si cercano applicazioni software per svolgere compiti più specifici legati al mondo del lavoro, alla fine non se ne trovano poi molte.

La maggior parte di quelle a disposizione sono freeware, ma forse sarebbero molti i professionisti in possesso di iPhone disposti a pagare per acquistare software realmente utiliti per gestire il proprio lavoro in mobilità.

La pensa così, ad esempio, Citrix Systems con il suo Citrix Receiver Lite , esempio di software aziendali per iPhone (consente di accedere ad applicazioni e documenti di Microsoft Windows mediante il Mlafonino).

Tra le 20 applicazioni free più popolari tra gli utenti business c’è FedEx Mobile per il monitoraggio dei pacchetti.

Tra le 20 applicazioni a pagamento, invece, 9 sono voice recorder, servizio non presente di default sul dispositivo. Tra questi spicca Recorder di Retronyms, che ha venduto circa 300.000 applicazioni al costo si 99 euro l’una tra luglio 2008 e aprile 2009.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!