Tratto dallo speciale:

Cloud Computing: Salesforce integra le Api Google in Force.com

di Noemi Ricci

scritto il

Salesforce apre Force.com alle API dei servizi dati Google, epr promuovere il Cloud Computing per lo sviluppo di applicazioni web e aziendali

Si rafforza il legame tra Google e Salesforce – provider di spicco nel mercato CRM online, dei Software-as-a-Service (SaaS) e del Platform-as-a-Service (PaaS) – con l’integrazione nella propria piattaforma Force.com (che già contempla 800 applicazioni capaci di dialogare tra loro) di tutte le applicazioni di Google.

Dopo l’integrazione dell’office online nell’applicazione di CRM, Salesforce ha annunciato di aver aggiunto Google Data Api al metalinguaggio Apxi, permettendo agli sviluppatori di creare applicazioni web aziendali con le API e le tecnologie Google.

In pratica, in questo modo i partner potranno integrare l’office automation condivisa di Google – che comprende elaborazione di testo e foglio elettronico – oltre a Gmail, Google Talk e Agenda. Il tutto, attraverso AppExchange.

La strategia di Salesforce, sembra chiara: unire applicazioni e piattaforma di sviluppo online, per promuovere il cloud computing per lo sviluppo e l’implementazione di applicazioni web e aziendali.

Gli strumenti di migrazione dovrebbero rappresentare il prossimo step in quest’ottica, coinvolgendo i 140 milioni di utenti che ancora utilizzano Ibm Lotus Notes.

Resta aperta la questione dell’espansione verso nuovi clienti, che non sembrano avere ancora massima fiducia sulla alla sicurezza e continuità di accesso ai dati in questa modalità. Lo scenario è ancora in fieri, quindi, ma vedremo presto le evoluzioni di questo emergente mercato.