Superbonus 110% con nuda proprietà: se l’usufruttuario si oppone?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Leonardo chiede

Esiste un vincolo normativo per cui il Superbonus 110% non può essere richiesto dal possessore della nuda proprietà dell’immobile se l’usufruttuario non ha intenzione di fare alcun intervento?

Barbara Weisz risponde

Il proprietario della nuda proprietà è fra i soggetti ammessi al Superbonus 110%. Così come l’agevolazione può essere utilizzata, eventualmente, anche dall’usufruttuario. La discriminante è rappresentata dal soggetto che paga le spese: quindi, se gli interventi vengono effettuati dal proprietario quest’ultimo applicherà l’agevolazione fiscale, se a pagare i lavori è l’utilizzatore dell’immobile sarà lui ad applicare la detrazione.

=> Agevolazioni prima casa anche con nuda proprietà

La circolare dell’Agenzia delle Entrate 24/2020 descrive nel dettaglio i beneficiari del Superbonus 110, includendovi chi possiede l’immobile in qualità di proprietario, nudo proprietario o di titolare di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie). Quanto al consenso dell’utilizzatore, non mi pare che in questo caso sia necessario. La norma prevede esplicitamente che serva nel caso in cui i lavori vengano effettuati dall’inquilino, mentre non si cita il consenso necessario per la nuda proprietà.

=> Ecobonus 110%: regole per i diversi beneficiari

Quindi, per rispondere precisamente alla sua domanda, non c’è un vincolo normativo che impedisce l’operazione da lei ipotizzata. Potrebbero invece esserci regole sugli interventi programmati (non sull’utilizzo dell’agevolazione fiscale, ma sulla possibilità di effettuare lavori nell’appartamento) nel contratto di nuda proprietà.