Dai dati al business

di Paolo Iasevoli

scritto il

EPM XI, la nuova suite presentata da Business Objects, punta a tradurre i dati grezzi in precise indicazioni relative al business, misurando la performance della propria azienda

EPM, come Enterprise Performance Management. E IDM, come Integrated Data Model. Unendo queste due sigle, Business Objects ha adto vita alla nuova EPM XI suite.

Dando concretezza ad arconimi che potrebbero risultare oscuri, quello che si configura come l’obiettivo principale della suite è riuscire a leggere i dati riguardanti l’azienda e a convertirle in informazioni utili per tastare il polso del proprio business.

Il prodotto è frutto della lunga campagna di acquisizioni portata avanti negli ultimi anni da Business Objects, che ha introdotto nuova linfa nelle linee della società, in particolare grazie ad innesti attivi nel settore dei software EPM come Cartesis. Questa progressiva espansione ha portato Business Objects al terzo posto in questo redditivo mercato, subito dietro altri due colossi come Oracle e SAP.

Il punto di forza dell’EPM XI sembra essere proprio l’integrazione con il software IDM, in grado di tradurre dati grezzi come prezzi, tassi di cambio e altre informazioni economiche in modelli di business. Insieme alla suite sono stati rilasciati anche dei componenti aggiuntivi.

Supply Chain Analytics è il primo di alcuni add-on “verticali” dedicati a specifiche tipologie di imprese, ed è destinato alle aziende manifatturiere, permettendo di analizzare l’impatto finanziario delle supply chain. Sul versante finanziario, invece, sono segnalati The Close, Forecast e Cost Control, strumenti in grado di monitorare i processi in atto nell’azienda, i flussi di lavoro e le best practice.

I Video di PMI

E-shop: come presentare al meglio i prodotti