Tratto dallo speciale:

SOS spam sul Coronavirus per diffondere malware

di Redazione PMI.it

scritto il

La classifica dei malware più diffusi a gennaio vede in cima Emotet, veicolato anche tramite email spam che informano sul Coronavirus.

A gennaio 2020 e per il quarto mese consecutivo, Emotet si è riconfermata la principale minaccia malware diffusa anche attraverso una campagna spam a tema Coronavirus.

=> Spam vietato sulle PEC dei professionisti

In base alle rilevazioni di Check Point Research, si tratta di email che segnalano aggiornamenti relativi alla diffusione del Coronavirus, offrendo informazioni e invitando il destinatario ad aprire gli allegati o a cliccare su link che tentano di scaricare Emotet.

Solo in Italia, nel mese di gennaio questo tipo di attacco ha avuto un impatto sul 18% delle aziende.

Come il mese scorso, le minacce dannose più ricercate continuano a essere malware versatili come Emotet, XMRig e Trickbot, che collettivamente colpiscono oltre il 30% delle organizzazioni in tutto il mondo – ha dichiarato Maya Horowitz, Director, Threat Intelligence & Research, Products di Check Point. –

Le aziende devono assicurarsi che i loro dipendenti siano istruiti su come identificare i tipi di email spam che vengono tipicamente utilizzati per propagare queste minacce; inoltre, devono implementare una sicurezza che impedisca attivamente l’infezione delle le loro reti per evitare ransomware o esfiltrazione di dati.

La classifica dei tre malware più diffusi a gennaio è la seguente:

  • Emotet, Trojan avanzato che detiene il primo posto con un impatto sul 13% delle aziende a livello globale;
  • XMRig, Mining software open-source CPU utilizzato per il mining della valuta criptata Monero;
  • Trickbot, Trojan del mondo banking rinnovato costantemente con nuove funzioni.

A livello mobile, invece, sul podio dei malware più diffusi compaiono xHelper, seguito da Guerilla e AndroidBauts.

I Video di PMI

DL Agosto: Guida alle misure fiscali