Tratto dallo speciale:

l’IT Ericsson per le aziende: Mobility, Broadband e Cloud

di Lorenzo Ermigiotti

scritto il

Ericsson svela la propria visione del mercato IT e le soluzioni aziendali più efficienti. Tre i pilastri: Mobility, Broadband e Cloud.

Nello storico quartier generale di Roma, Ericsson ha dato il via al suo IT Roadshow 2014, che si snoda per tutta l’area EMEA per presentare la sua vision sull’evoluzione dell’IT e svelare le nuove offerte proposte dal gigante dell’ICT. Fra auto connessa, identità digitale e servizi per TV e Media, spiccano le soluzioni rivolte alle aziende di ogni struttura e dimensione, quali cloud, big data, marketing analytics, smart metering e sistemi innovativi per l’ufficio del futuro.

Il panorama raffigurato  è all’insegna di una presenza pervasiva di potenti dispositivi mobili, computer connessi, sensori, big data, analytics e servizi cloud, che concorrono alla formazione di un nuovo paradigma, una networked society che va ad unire le sfere un tempo separate di People, Business e Society in un unicum tecnologico destinato a modificare lo scenario dell’industria. Si va dunque verso l’accelerazione dell’innovazione e la rivoluzione dei modelli di business, e si prefigura la crescita del mercato IT globale del 20% entro il 2017 (Gartner).
In questo quadro, il programma di innovazione promosso da Ericsson è incentrato su tre capisaldi: Mobility, Broadband e Cloud.
A introdurre le novità, Clara Pelaez, Vice President Strategy, Marketing and Communications per la Regione Mediterranea ed Emanuele Iannetti, Responsabile  IT Solutions & Services per l’area South Central Mediterranean.

Ericsson Cloud System

Ericsson Cloud System mira ad ampliare e migliorare i servizi cloud rivolti al mercato aziendale (ma anche consumer) per soddisfare le esigenze Operator IT Cloud e Operator Customer/Public Cloud attraverso un sistema flessibile, reattivo e scalabile, che prevede costi a consumo e assistenza 24/7. Si tratta di una piattaforma in grado di fornire servizi cloud con funzioni integrate di Network Functions Virtualization (NFV) e Software Defined Networking (SDN). Tramite l’introduzione di un layer di virtualizzazione e gestione, è in grado di erogare applicazioni multiple condividendo la medesima infrastruttura. Inoltre supporta la coesistenza e la migrazione di funzionalità network esistenti.

Fanno parte dell’Ericsson Cloud System l’Ericsson Cloud Manager, un sistema di “intelligent automation” studiato per gestire le funzionalità di gestione dei processi telecom e IT end-to-end e di fatturazione e analisi, e l’Ericsson Service Provider SDN, un sistema che trasforma il network in un’entità real-time programmabile. Ciò consente la personalizzazione della connettività per i servizi offerti dagli operatori nel cloud, l’erogazione di servizi network on demand e la separazione di data plane e network control.

Office of the Future

Office of the Future è un sistema per il monitoraggio, la supervisione e il controllo da remoto dei dispositivi dell’ufficio atto a ottimizzare i consumi e a creare un ambiente di lavoro funzionale e confortevole, alla stregua di un sistema di domotica. Il sistema sviluppato da Ericsson utilizza sistemi di automazione M2M che raccolgono in tempo reale i dati di efficienza energetica di tutto l’ufficio: più di 500 diversi parametri provenienti da dispositivi e impianti quali aria condizionata, illuminazione, solare termico, ecc., che consentono di monitorare e analizzare i dati e gestire i dispositivi e i sistemi attraverso scenari predefiniti. Il tutto avviene tramite un’interfaccia user friendly per PC e una app per smartphone e tablet.

Customer Experience Assurance

La soluzione Customer Experience Assurance di Ericsson  consente agli operatori di migliorare la propria immagine e di offrire ai clienti un servizio migliore. Basata su un’interfaccia intuitiva e facile da usare, permette gli addetti al customer care di visualizzare e analizzare il singolo utente e la sua esperienza d’uso, conoscendo i dettagli dello stato del servizio, eventuali problemi e la probabile causa. Il tutto si basa sullo stream processing e una efficiente correlazione dei dati atti a fornire un immediato quadro chiaro delle problematiche, in modo da velocizzare le chiamate di assistenza e consentire la rapida gestione del problema. Questo porta, inoltre, all’azione proattiva per fornire una migliore qualità del servizio ancor prima che il cliente chiami l’assistenza.

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale