Tratto dallo speciale:

Il Cloud di IBM diventa open source

di Noemi Ricci

scritto il

IBM crede nell'impatto degli standard open source sulla diffusione del cloud computing e annuncia l'arrivo di soluzioni sulla Nuvola aperte.

Open source e Cloud Computing insieme al servizio delle PMI: è la novità presentata da IBM nel corso dell’evento di Las Vegas “Pulse 2013”.

Tutti i software e servizi cloud offerti alle imprese da IBM saranno basati su standard aperti, incluso il sistema operativo OpenStack, così da velocizzare e semplificare l’utilizzo di soluzioni basate sulla Nuvola.

= Scopri le applicazioni aziendali di IBM SmartCloud

Un modo per slegare il Cloud dai vincoli imposti da offerte proprietarie incompatibili, aumentando la portabilità tra ambienti ibridi, la sicurezza del sistema e la gestione aziendale.

La presenza di standard aperti per il cloud apre la via all’utilizzo parallelo di soluzioni per il Mobile Computing e la gestione dei Big Data. Strada dall’altissimo potenziale per incrementare la produttività e la competitività delle aziende.

=> Scopri le propostedi  IBM per PMI

«La storia ha dimostrato che gli standard e l’Open Source portano un enorme beneficio ai clienti finali e costituiscono un importante catalizzatore dell’innovazione», ha spiegato Robert LeBlanc, Senior Vice President della divisione Software di IBM.

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale