Nokia acquista Symbian: a tutto Open Source

di Noemi Ricci

scritto il

Nokia punta sempre di più sull'Open Source con l'acquisto di Symbian, big del mercato software mobile. Al via così la Symbian Foundation, per una piattaforma aperta e comune

Symbian è il sistema operativo più diffuso su cellulari e smartphone – 200 milioni di dispositivi – e presto sarà proprietà esclusiva di Nokia. Il vendor finlandese ha infatti annunciato il piano d’acquisto delle restanti quote della software-house non ancora in suo possesso (circa il 52%) da Sony Ericsson, Ericsson, Panasonic e Siemens.

Un’operazione da 264 milioni di euro che porta anche alla nascita di Symbian Foundation, volta a dare vita alla completa convergenza di tutti i sistemi operativi Symbian con S60, UIQ e MOAP(S), per poi dare il via ad una piattaforma comune open source libera da royalties

Iniziativa nella quale sono coinvolti anche AT&T, LG Electronics, Motorola, NTT Docomo, Samsung, Sony Ericsson, STMicroelectronics, Texas Instruments e Vodafone.

Ad oggi, il concorrente più agguerrito con cui ha a che fare Symbian è Microsoft ma entro cinque anni, secondo Abi Research, dovrà vedersela con Linux (che sarà istallato sul 20% dei telefonini), portato avanti da LiMo e Google Android.

Così, contro Windows Mobile di Microsoft, gli Os dell’iPhone di Apple, il Blackberry di Rim, Palm Os, Google Android e Linux Mobile, per sbaragliare la concorrenza Symbian equipaggerà i dispositivi Nokia, Sony-Ericsson, Samsung, Ericsson, Siemens e Panasonic.

Guardando alla fascia di terminali, è immediato ipotizzare che Nokia sembri puntare proprio a conquistare la leadership del segmento enterprise mobile, forte anche dei piani di superamento del digital divide fodnati sull’Internet via cellulare piuttosto che pc.