Asus Eee Pc 1000: mobile working di frontiera?

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Asus presenta il modello PC 1000, ultimo nato della famiglia Eee e caratterizzato da un display da 10 pollici, connessione Wi-Fi/Bluetooth, 2Gb di RAM e batteria a lunga durata

Novità per i lavoratori in mobilità in cerca di efficienza ed estrema leggerezza: la lunga notte del Computex 2008 ha regalato una prima breve apparizione dell’ultimo membro della famiglia Asus Eee PC, ovvero l’atteso modello Eee PC 1000 – successore dei precedenti 900 e 901 recentemente introdotti dalla compagnia di Taipei – caratterizzato da un monitor da 10 pollici, batteria da 6 celle e connessione Wi-Fi/Bluetooth.

Il nuovo computer ultra portatile di Asus presenta un’architettura basata sulla recente soluzione Atom di Intel e verrà distribuito anche in una versione H che differirà dal normale modello per la presenza di un hard disk tradizionale da 80Gb e per la possibilità di lavorare sia con Linux che con Windows XP Home.

Tuttavia, aumentano le dimensioni e il peso dell’apparecchio rispetto ai modelli precedenti in virtù dello schermo da 10 pollici. In compenso, la tastiera diviene più ampia e di conseguenza più pratica da utilizzare. Trovano spazio inoltre la connettività Wi-Fi 802.11n e il Bluetooth.

L’Eee PC 1000 dispone di ben 2Gb di RAM (il doppio dell’Eee PC 901) e di un hard disk allo stato solido SDD da 40Gb. Notevolmente potenziata l’efficienza della batteria con l’introduzione della tecnologia da 6 celle agli ioni di litio in grado di offrire una autonomia dichiarata di 4,2-7,5 ore.

Il prezzo comunicato da Asus, e relativo al momento al solo mercato taiwanese, è di circa 658 dollari americani per il modello 1000 e di circa 625 per la versione 1000H. È importante notare come modelli e configurazioni per il mercato italiano potrebbero differenziarsi da quanto annunciato da Asus in occasione del Computex.