Tratto dallo speciale:

L’innovazione premia: come digitalizzare una PMI

di Alessia Valentini

scritto il

Strumenti di supporto ai processi di espansione adattandosi alla trasformazione dell’azienda: le strategie Rivit per promuovere innovazione e sviluppo sfruttando le tecnologie Microsoft.

Attuare un percorso di digitalizzazione aziendale efficace dal punto di vista gestionale ed economico/finanziario è una sfida che diverse aziende italiane stanno affrontando. Parliamo di applicativi mirati alle esigenze del core business che permettano scalabilità, integrabilità e performance. Ne parliamo con Manuele Avanzolini, A.D. di Rivit, azienda emiliana che a SMAU Bologna si è aggiudicata il premio Innovazione Digitale per la categoria “Gestionali evoluti per migliorare le performance in azienda”, combinando competenze, innovazione, controllo e tecnologie Microsoft.

=> Microsoft: le soluzioni per il business 2.0

Esigenze

Specializzata in sistemi di fissaggio e macchine per lavorare la lamiera nei settori automotive, nautica ed edilizia – nonché rivenditore per negozi di ferramenta e utensilerie – Rivit vanta un magazzino automatizzato con 17mila scorte, un catalogo di 30mila articoli e un bacino di utenza di 15.000 comprendendo l’attività di rivendita. Nel caso in oggetto, l’ERP statico preesistente non era ben integrabile con gli altri sistemi aziendali: era quindi necessario innovare verso una piattaforma/ framework che permettesse un’installazione modulare espandibile. Inoltre, la gestione frammentata del fatturato risultava difficilmente sotto controllo: serviva un sistema centralizzato di offerte al cliente, tracciabili assieme ai relativi feedback, da analizzare caso per caso. L’eventuale avvicendamento di venditori portava inoltre a disallineamenti nei riferimenti di contatto dei clienti, temporaneamente persi fino alla piena operatività del nuovo commerciale di zona. Un’ulteriore esigenza riguarda la gestione e manutenzione delle PdL (Postazioni di Lavoro) aziendali, distribuite in 5000 mq di stabilimento che richiedevano a due tecnici del CED una continua attività de localizzata, a scapito del controllo centralizzato  delle macchine.

Soluzioni e risultati

Le prime installazioni hanno riguardato Microsoft Dynamics NAV e CRM con la previsione di adottare un numero crescente di applicativi della stessa famiglia. La scelta è stata dettata di motivazioni connesse agli obiettivi dell’azienda: miglioramento della qualità lavorativa, internazionalizzazione e accrescimento del parco applicativo. Microsoft può accompagnare l’impresa nei progetti esteri (RIvit ha già una sede in India n.d.r.) e consente acquisizione progressiva di prodotti nativamente integrabili fra loro senza spese aggiuntive.

=> Vendite: Dynamics CRM 2015 per PMI 2.0

L’effort dello sviluppo aziendale, ben noto dopo 4 cambi di ERP, richiedeva personale competente: la scelta è caduta su Alterna solution center partner di Microsoft Italia.
Dopo un anno di analisi è stato implementato il nuovo portale e il nuovo CRM. I due strumenti hanno permesso un cambiamento radicale abilitando il controllo centralizzato di tutto il core business evitando di accedere a software e schermate diverse per ogni informazione da reperire. L’ERP introdotto interagisce nativamente con device aziendali e Web e l’utenza riporta un feedback di apprezzabile usabilità e facilità d’uso.

L’ERP ha permesso la gestione ottimizzata delle scorte di magazzino, notoriamente costosa se inefficiente, abilitando anche un migliore time-to-market per i servizi e-commerce a tutto vantaggio della concorrenzialità sul mercato. Altri vantaggi: evasione ordini in minor tempo, più soddisfazione del cliente, miglioramento dei servizi post-vendita orientati alla manutenzione, maggiore controllo delle matricole per la validità delle garanzie. Il nuovo CRM consente di monitoraggio dei processi e abilita una relazione più efficace con i clienti assicurando continuità rispetto ad eventuali cambiamenti nella rete di vendita (contatti e relazioni in un unico repository); offerte e risposte sono gestite mantenendo la storia e le motivazioni di successi e fallimenti, per imparare dagli errori e/o continuare a costruire casi vincenti e comprendere chi e come si interfaccia verso i clienti.

Anche la gestione di fiere e follow-up di eventi BtoB è monitorato mediante cruscotti a supporto delle decisioni, attualmente in via di completamento. In particolare è ancora in corso l’analisi di flussi e processi a cui seguirà la definizione dei KPI (Key Performance Indicators) per la misurazione dei flussi e la costruzione di cruscotti decisionali.  Il sistema centralizzato per la gestione delle PdL aziendali si integra con l’ERP e monitora installazioni e richieste di manutenzione. Tutte le attività sono pianificate e attuate mediante Alterna, rispettando le milestones del gantt di lavoro e apportando correttivi se e quando necessario.

Roadmap

Come si realizza tutto questo? I primi sei mesi sono dedicati ad analisi e migrazione dati del software gestionale; i successivi ad analisi CRM e sviluppo del portale e-commerce (inizialmente BtoB e successivamente BtoC verso i clienti finali. E in futuro? Espansione delle funzionalità del CRM con Microsoft Dynamic Marketing, introduzione di Sharepoint per l’archiviazione documentale e adozione di Skype for Business per le comunicazioni voce, IM, videoconferenze e online meeting. Obiettivo finale: innovazione e crescita aziendale grazie alla tecnologia, che segue ma non si sostituisce, accompagna ma non detta legge.

Per approfondimenti: Rivit

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso