Tratto dallo speciale:

Fatti smart! Video del Garante spiega la Privacy su Mobile

di Noemi Ricci

scritto il

Il contesto mobile, in continua evoluzione, è al centro dell’attenzione del Garante per la privacy, che ora rende disponibile un video per spiegare come proteggersi su smartphone e tablet.

L’utilizzo diffuso di dispositivi mobili espone tutti gli utenti ad enormi rischi riguardante la privacy e in generale la sicurezza delle informazioni.

Per questo motivo il mondo mobile è al centro dell’attenzione del Garante per la Privacy e la protezione dei dati personali, che mostra in un video come proteggere la privacy su smartphone e tablet.

=> Leggi i rischi della Sicurezza mobile fai-da-te in azienda

Il video “Fatti smart!” parte dal presupposto che i dispositivi mobili dispongono ormai di risorse hardware e software orma comparabili con i computer tradizionali e pertanto devono essere considerati con attenzione anche in ambito privacy.

Sui dispositivi mobili vengono memorizzate anche password personali, ma soprattutto codici di accesso e dati bancari, oltre che messaggi scambiati via e-mail, sms o tramite servizi messenger.

In ambito aziendale, inoltre, l’esposizione ai rischi di violazione della privacy è ulteriormente amplificato dalla presenza sul dispositivo di informazioni di business e, soprattutto in caso di politiche BYOD (Bring Your Own Device), dall’utilizzo promiscuo dei dispositivi sia a casa, sia a lavoro.

=> Leggi di più sul BYOD

“Nella memoria di smartphone e tablet – sottolinea il Garante della Privacy – è conservata una grande quantità di informazioni personali spesso delicate, quali foto, filmati, messaggi, dati telematici o la posizione geografica in cui ci si trova in ogni istante della giornata”.

=> Scopri come cambia la sicurezza in azienda: dal BYOD al CYOD

Per questa ragione il Garante ha voluto realizzare il video “Fatti smart!”, disponibile su Youtube e sul sito internet dell’Autorità, con l’obiettivo di fornire semplici, ma fondamentali accorgimenti per difendersi dalle intrusioni, per tenersi sempre informati e per gestire responsabilmente la conservazione e la condivisione di dati personali.