Unisys e Aladdin per la protezione in azienda

di Noemi Ricci

scritto il

Unisys concretizza la collaborazione con Aladdin per offrire ai propri clienti nuove funzionalità di autenticazione e protezione avanzate in ambito aziendale

Unisys Corporation, società multinazionale di servizi tecnologici e di soluzioni di sicurezza, ha siglato la partnership con Aladdin Knowledge Systems, società specializzata nello sviluppo per l’autenticazione nei sistemi Digital Rights Management (DRM) e nella protezione dei contenuti.

Unisys utilizzerà nei propri sistemi la soluzione di autenticazione avanzata Aladdin eToken, come preannunciato nei mesi scorsi.

L’offerta di Unisys si arricchisce, grazie alla nuova collaborazione, anche di nuovi sistemi di gestione avanzata delle identità, card di riconoscimento, protezione privacy e dei dati, di cui potranno beneficiare sia grandi organizzazioni sia piccole imprese.

Inoltre, con Aladdin eSafe , sarà ampliato anche il portfolio di Unisys relativo soluzioni di protezione dei contenuti e di gestione dei rischi.

Aladdin eSafe è infatti in grado di proteggere dai malware basati su Web e dalle minacce attraverso un gateway Web protetto (wirespeed e in linea) attraverso strumenti antispyware, application controller e filtraggio degli URL. Vengono monitorati anche lo spamming e il traffico SMTP e POP3 attraverso un gateway proattivo a due motori.

Grazie invece all’implementazione di Aladdin eToken insieme alle soluzioni di gestione delle identità di Unisys, sarà fornità un’affidabile funzionalità centralizzata di provisioning degli utenti e una tecnologia di autenticazione avanzata (compreso l’accesso VPN protetto e l’accesso di rete) in grado di offrire un accesso protetto ai sistemi aziendali back-end, proteggendo i dati riservati, riducendo i costi e aumentando la produttività.

Unisys offrirà ai propri clienti anche il sistema Token Management System (TMS) della soluzione Aladdin eToken, per la gestione dell’intero ciclo di vita dei token di autenticazione.

I Video di PMI

I Gruppi saranno il futuro di Facebook?