InfoSecurity, tutto sulla sicurezza informatica

di Giulia Gatti

scritto il

Si è svolto dal 10 all'11 giugno l'appuntamento di Infosecurity, Storage Expo e Trackability, dove si è parlato del connubio fra tecnologia ed industria nel mondo delle Telecomunicazioni e della Pubblica Amministrazione

InfoSecurity, il summit sulla sicurezza informatica organizzato da Reed Exhibitions Italia allo Sheraton Hotel di Roma, ha visto aderire alcune delle più importanti aziende specializzate nel campo dell’informazione e delle telecomunicazioni.

Tra i nomi più prestigiosi, si segnalano IBM, Accenture, Oracle, Value Team, Hitachi, Landesk, Almaviva che hanno partecipato al convegno, per far conoscere alle aziende i nuovi programmi in grado di garantire una protezione efficace delle banche dati e degli strumenti informatici.

Le due giornate di InfoSecurity sono state ricche di convegni e di stand espositivi grazie ai quali gli utenti si sono potuti mettere in contatto con le aziende specializzate nel campo della sicurezza informatica e delle telecomunicazioni.

E proprio questa opportunità è stato il punto focale del successo della convention, che ha permesso una conoscenza diretta e immediata di tutti i nuovi prodotti relativi alla sicurezza lanciati sul mercato.

Il 10 giugno ha aperto la manifestazione il convegno “ICT security: quale Governance?” al quale ha preso parte Domenico Vulpiani, direttore della Polizia Postale e delle Comunicazioni. A seguire ci sono stati gli altri convegni, incentrati sull’impatto che le nuove modalità di impiego ICT stanno avendo sulla Pubblica Amministrazione.

Nella giornata conclusiva dell’11 giugno si è invece posto l’accento sulla sicurezza delle informazioni e sui sistemi di difesa dalle nuove forme di attacco. Poiché Internet rappresenta ormai il luogo dove si svolge la maggior parte delle comunicazioni e degli affari, la sfida del futuro è riuscire a proteggere efficacemente i dati, sviluppando il mercato e puntando al contenimento dei costi e all’incremento dell’efficienza, come ha spiegato Howard A. Schmidt, presidente di ISSA International, The Information Systems Security Association, un’associazione internazionale no profit per la sicurezza informatica.