TFR e crediti di lavoro: la domanda online

di Barbara Weisz

scritto il

Domanda telematica per l'intervento del Fondo di Garanzia da parte di banche e istituti finanziatori che concedono prestiti con cessione del TFR: procedura INPS.

Al via la procedura telematica per le domande di intervento del Fondo di Garanzia di banche e istituti finanziari che concedono prestiti con cessione del TFR: l’INPS estende il servizio web, fino ad ora riservato ai lavoratori e agli eredi, alle aziende del credito al consumo. Le istruzioni sono contenute nel messaggio 1627/2018.

L’intervento del Fondo di Garanzia serve a tutelare il dipendente dai casi in cui l’azienda non sia in grado di pagare il TFR. Rimborsa anche crediti da lavoro relativi agli ultimi tre mesi del rapporto in seguito alle procedure concorsuali. Fino ad oggi sono i lavoratori potevano presentare domanda telematica, anche attraverso intermediari, mentre gli istituti finanziari dovevano presentare la domanda in formato cartaceo. Il servizio, che si rivolge anche ai soggetti che subentrano alle aziende con diritto di rivalsa nei confronti del lavoratore destinatario del prestito, è accessibile attraverso il portale INPS, attraverso il percorso “Utenti“, “Banche ed Istituti finanziari”.

Bisogna avere il PIN dispositivo INPS, la Carta nazionale dei Servizi, oppure le credenziali SPID di secondo livello. I soggetti incaricati dalle aziende tramite specifica procura devono richiedere l’abilitazione presentando il modello MV61 alle strutture territoriali dell’INPS, e avere l’autorizzazione del legale rappresentante dell’azienda.

Per consentire alle aziende di adeguarsi alle nuove modalità di presentazione telematica delle domanda, è stato previsto un periodo transitorio di sei mesi, fino al 13 ottobre, durante il quale sarà possibile continuare a presentare le domande anche in forma cartacea. Dopo questo periodo, le domande andranno presentate esclusivamente in formato telematico.

Il documento di prassi INPS contiene anche le istruzioni per gli operatori INPS per la consultazione delle domande presentate dai cessionari del credito.