Semplificazioni: Pin unico dal 2015

di Teresa Barone

scritto il

Accesso ai servizi pubblici digitali attraverso il Pin unico a partire da aprile 2015: si parte con INPS, INAIL, Agenzia Entrate e alcune PA locali.

Un Pin unico per accedere online a tutti i servizi digitali offerti dalla Pubblica Amministrazione: INPS, Agenzia delle Entrate, scuole, Comuni, Asl. Una novità che potrebbe diventare operativa a partire da aprile 2015 arrivando entro il 2017 a collegare 10 milioni di utenti, in pratica un cittadino su sei.

=> Scopri come funziona la bussola della trasparenza per la PA

Il codice di accesso ai dati in modalità elettronica si chiama SPID (Sistema pubblico di identità digitale) e si inserisce tra le semplificazioni introdotte dal Governo per rendere più facile la vita dei cittadini, limitando i costi e ottimizzando i tempi con l?eliminazione delle code allo sportello.

SPID manderà quindi in pensione i vari codici di accesso necessari per accedere ai servizi pubblici online attivati finora, coinvolgendo in una prima fase una rosa di amministrazioni: INPS, INAIL Agenzia delle Entrate, Regione Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Piemonte e Toscana, oltre ad alcuni Comuni e varie banche.

=> Scopri se gli italiani sono soddisfatti della PA online

A definire l?ingresso dello SPID è l’intesa Stato/Regioni/Comuni sull’Agenda per la semplificazione, commentata su Twitter dal Ministro della PA Marianna Madia sotto l’hashtag #Repubblicasemplice:

«Tempi certi su digitale, fisco, welfare, edilizia, impresa.»