Appalti verdi nella PA al 50% entro il 2014

di Redazione PMI.it

scritto il

La nuova normativa che regola gli acquisti effettuati dalla PA: entro il 2014 il 50% degli appalti dovrà essere sostenibile.

Entro la fine del 2014 il 50% degli appalti della Pubblica Amministrazione dovrà essere sostenibile, quindi basato sul rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM).

=> Scopri le direttive della UE per gli appalti green della PA

La metà degli acquisti promossi dagli enti pubblici per ciascuna categoria di affidamenti e forniture dovrà quindi essere “green?.

A stabilirlo è il decreto datato 10 aprile 2013 e voluto dal Ministero dell’Ambiente, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio 2013: una legge che aggiorna il PAN GPP (Green Public Procurement), vale a dire il “Piano d?Azione per la sostenibilità dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione in vigore dal 2008?.

=> Leggi la campagna del Comune di Milano per favorire gli acquisti low cost

Alla base del Green Public Procurement c?è l?esigenza di limitare i consumi, razionalizzare le spese e favorire la sostenibilità ambientale anche attraverso l?adozione di nuove regole di acquisto.

Gli obiettivi del GPP – la cui definizione è stata data dalla Commissione Europea – spaiano dal miglioramento dell?immagine della PA alla diffusione di modelli di consumo sostenibili, dal favorire l?innovazione e la competitività all?accrescimento delle competenze degli acquirenti pubblici.

=> Leggi la Strategia Europa 2020 che disciplina le azioni della PA sul piano sociale

«GPP (Green Public Procurement) è definito dalla Commissione europea l?approccio in base al quale le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull?ambiente lungo l?intero ciclo di vita.»