Credibilità a rischio

di Teresa Barone

scritto il

Parole innocue che possono compromettere la credibilità e mettere a rischio la propria reputazione.

Crearsi una reputazione solida e ottenere fiducia: un obiettivo fondamentale in ambito professionale che si basa sulle capacità comunicative, sull’empatia e sull’abilità nel gestire al meglio il linguaggio del corpo.

=> Scopri la mentalità che aiuta la carriera

Ci sono alcune parole di suo comune, tuttavia, che potrebbero minare la propria credibilità soprattutto se usate in alcuni contesti. Il semplice “quasi”, ad esempio, se inserito in una frase relativa a un determinato progetto in corso, può trasmette l’incapacità di ottenere un risultato concreto.

Se parlando di scadenze si usa il termine generico “un giorno” evitando di fornire date e tempistiche esatte, si rischia di comunicare la mancanza di urgenza e di importanza.

Meglio evitare di abusare del verbo “provare”, che potrebbe sottolineare non solo la carenza di impegno ma anche la mancanza di capacità per portare a termine un compito. Quando si discute riguardo alle mansioni lavorative, infatti, esprimere il proprio desiderio di provare a ottenere un risultato indica inevitabilmente che non si ha alcuna intenzione di accettare una determinata responsabilità.

=> Scopri le qualità per affrontare i cambiamenti

Infine, meglio sostituire la dicitura “lo spero” con “lo farò”, ottenendo credibilità e sottolineando impegno e sicurezza in sé stessi.

 

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito