Come sviluppare la conversione

di Chiara Basciano

scritto il

Costruire un sito web in modo che il cliente si fidi di lui e non abbia problemi ad inserire i suoi dati.

Una volta che si è consapevoli di alcuni dati di fatto quali: gli utenti decidono se rimanere su una pagina o lasciarla dopo soli 8 secondi, i video dei prodotti possono incrementare le vendite del 144%, un secondo di ritardo sul caricamento della pagina del sito si traduce nel 7% in meno di possibilità di acquisto, non si può non tener conto dell’importanza di un sito aziendale di alto livello.

=> Leggi i consigli sul web marketing

Per questo gli esperti consigliano di costruire la home del sito in maniera impattante ma semplice. Lo scopo finale è quello di sviluppare la conversione, sia che si tratti di una richiesta informazioni che dell’iscrizione ad un servizio o un acquisto. L’essenziale è che la conversione lasci una traccia di dati misurabili. Il messaggio di apertura del sito deve essere chiaro, deve essere messo in evidenza il settore di riferimento ed il perché il cliente dovrebbe scegliere la nostra azienda. Trovare la frase ad effetto e, più sotto, spiegarne i dettagli è il metodo più utilizzato perché più convincente.

I siti aziendali di maggior successo fanno continui test sulle loro call to action, monitorando quindi l’utilizzo dei bottoni che avviano download o rimandano ad altre pagine e controllandone qualità e frequenza di utilizzo. Le call to action portano ad un rapporto più diretto col sito, essenziale per l’azienda e per la conversione. Invogliare a lasciare feedback fa parte di questo passaggio, per capire cosa migliorare e per incentivare uno scambio attivo col cliente.

=> Vai alle conversioni

Bisogna poi ricordarsi di rendere le cose semplici al cliente, evitando di riempire infiniti campi con i propri dati. Bastano i dati essenziali per accedere alle pagine riservate, e solo in caso di acquisto le informazioni possono essere più dettagliate, assicurandosi però di garantire la massima usabilità.

=> Scopri gli errori da evitare

L’elemento chiave è testare sempre ogni passaggio, monitorando di continuo il proprio sito e rinnovando le cose che appaiono più complicate. Il cliente vuole fidarsi del brand e bisogna ripagarlo con grande efficienza e professionalità, solo così la conversione sarà di successo.

I Video di PMI