Iscritti AIRE, IMU casa dovuta

Risposta di Redazione PMI.it

scritto il

Piero chiede:

Sono un pensionato iscritto AIRE e residente in Romania. Posseggo un’abitazione popolare in Italia e non ho altri beni né in Italia né all’estero. Mi dicono che il mio immobile è considerato seconda casa. E’ vero?

Per usufruire dell’agevolazione di cui l’articolo 9-bis della Legge 23 maggio 2014, n. 80, è necessario che lei risulti residente all’estero iscritto all’AIRE e che sia pensionato nel paese di residenza ma con pensione deve rilasciata dallo stesso Stato estero. In questo caso, dal 2015 è considerata adibita ad abitazione principale una sola unità immobiliare posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, purchè non locata o data in comodato d’uso.

Se si è pensionati in Italia ma si risiede all’estero l’agevolazione non è concessa.

Per i cittadini che non abbiano i requisiti sopra esposti, quindi, la casa in Italia non può risultare come abitazione principale perché non corrisponde alla residenza, di conseguenza è vista come seconda casa (immobile diverso dall’abitazione principale) ai fini fiscali, pagando l’IMU come seconda casa.

Per quanto riguarda invece la TASI, dal 2016 è previsto l’esenzione per chi possiede una sola unità immobiliare e risiede all’estero con iscrizione AIRE:

=> Esenzione TASI iscritti AIRE

In generale, ricordiamo che anche gli iscritti all’AIRE possono comunque mantenere la residenza fiscale in Italia.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Redazione PMI.it