Email:la firma perfetta

di Teresa Barone

scritto il

Come compilare al meglio le informazioni di contatto che compaiono in calce alle email.

Impostare una firma automatica in calce alle email inviate per lavoro è certamente una pratica corretta e utile, tuttavia queste poche righe informative perdono efficacia se non rispettano alcune regole o se non vengono aggiornate periodicamente.

=> Errori comuni quando si usa l’email 

La funzione principale della firma estesa è quella di fornire informazioni di contatto, pertanto alcuni elementi si rivelano essenziali: nome completo, numero di telefono (anche mobile se pertinente).

Ci sono altri dati che, sebbene opzionali, possono rivelarsi efficaci: nome dell’aziende e indirizzo completo, sito web della società e collegamenti alle eventuali pagine social.

Si potrebbe anche prendere in considerazione l’ipotesi di predisporre informazioni di contatto differenti da utilizzare per diverse tipologie di destinatari, aggiungendo o togliendo i dati da comunicare.

=> Costruire buone relazioni? Basta con le email 

Da non riportare mai, invece, è un’immagine della propria firma reale, del tutto inutile e rischiosa, ma anche l’utilizzo di font troppo creativi, troppi colori o perfino citazioni letterarie che rischiano non solo di rendere illeggibile la firma stessa, ma anche di essere percepiti come poco professionali.

Un ultimo consiglio: non sono ammesse scuse per eventuali errori di battitura.

 

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito