Stile gestionale, a ognuno il suo

di Teresa Barone

scritto il

Descrivere il proprio stile di gestione in fase di colloquio di lavoro.

Proporsi per un incarico che prevede la gestione di un team significa, quasi sempre, dover rispondere a una domanda precisa in fase di selezione e colloquio di lavoro: qual è il tuo stile gestionale?

=> Qual è il tuo stile di gestione?

Un quesito che rischia di creare imbarazzo e incertezza, tuttavia il segreto per rispondere in modo adeguato è certamente avere ben chiari quali dovrebbero essere gli elementi chiave di una leadership efficace: capacità di dare indicazioni chiare, ad esempio, abilità di ascolto e impegno per promuovere lo sviluppo delle competenze dei propri collaboratori.

Una descrizione generica può non bastare, pertanto è indicato descrivere un esempio che chiarisca la propria abilità di gestione, facendo riferimento a un progetto recente che ha avuto successo proprio grazie al lavoro di squadra e a una corretta gestione e motivazione delle risorse coinvolte.

L’attenzione dovrebbe essere focalizzata sulla capacità di rendere autonomi i membri del team, mettendoli in grado di procedere in modo indipendente e supervisionando sul lavoro in modo costante attraverso una comunicazione attenta e continua.

Fondamentale, infine è anche sottolineare un elemento che rende unico il proprio stile gestionale, un modus operandi – ad esempio – da leader partecipativo che coinvolge sempre la squadra anche in merito a decisioni importanti, oppure da leader carismatico che non si limita a delegare e affidare compiti ma è in grado di favorire un cambiamento, di ispirare e influenzare in modo positivo la crescita personale.