Tratto dallo speciale:

I calciatori spiegano come avere successo

di Chiara Basciano

scritto il

Tre consigli del Manchester City per far funzionare una squadra, nel calcio come in azienda.

Il parallelo tra mondo dello sport e vita da ufficio è sempre calzante, soprattutto quando si parla di sport di squadra. Far parte di un team infatti ha le stesse regole in ogni ambito. Per i lavoratori è interessante ascoltare i consigli d\i chi vive costantemente in funzione di una squadra. In particolare il Manchester City, grazie ad un’intervista condotta da Hays, Recruitment Partner Ufficiale della società, mette in evidenza tre dati essenziali per avere successo.

=> Calcio e ufficio, un parallelo che funziona

Il primo consiglio è individuare con cura l’azienda di cui si vorrebbe far parte. Sholto Douglas-Home, Chief Marketing Officer di Hays, spiega:

È importante che i professionisti alla ricerca di un nuovo lavoro individuino una lista di aziende di cui vorrebbero far parte e valutino attentamente se, all’interno di una determinata realtà, le proprie abilità possano essere valorizzate per raggiungere i propri obiettivi professionali. Una volta stilata la lista delle aziende in target, è bene pianificare come raggiungerle.

Nello stesso modo chi è entrato a far parte del Manchester City negli ultimi anni, come Kyle Walker, ha dichiarato di averlo fatto per amore nei confronti del club. Il rispetto per l’azienda deve essere dettato anche da una comunione d’intenti.

Il secondo consiglio è quindi quello di scegliere un posto che abbia gli stessi obiettivi e in cui lavorare in squadra non risulti faticoso, proprio perché ogni individuo si sente parte di un tutto.

=> Strategie di recruiting dai mondiali di calcio

Il terzo consiglio è di trovare sempre un punto di riferimento o di diventarlo per qualcuno in caso di maggiore esperienza. Nikita Parris, per esempio, dice di spronare le giovani calciatrici non tanto ad emularla, ma a superarla, così come in un’azienda chi ha più esperienza dovrebbe sempre motivare i più giovani.