Sussidio disoccupazione per Partite IVA

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Giulia chiede

La mia azienda mi ha licenziata, collaboravo tramite consulenza a Partita IVA. Esiste una forma di disoccupazione da richiedere?

Barbara Weisz risponde

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto un nuovo ammortizzatore sociale che potrebbe andare incontro al suo caso, perché è rivolto proprio ai lavoratori a partita IVA (esclusi, invece, da altri strumenti simili come la Dis-coll per i collaboratori). Bisogna però rispettare una serie di requisiti.

Si tratta dell’indennità ISCRO, che spetta per sei mesi e viene versata dall’INPS (a cui bisogna fare domanda), è pari al 25% dell’ultimo reddito su base semestrale. I requisiti fondamentali:

  • iscritti in via esclusiva alla gestione separata INPS,
  • in regola con il versamento dei contributi obbligatori,
  • non titolari di pensione diretta,
  • non beneficiari di reddito di cittadinanza,
  • reddito da lavoro autonomo nell’anno precedente la domanda fino a 8.145 euro e inferiore di almeno il 50% alla media dei tre anni precedenti,
  • partita IVA da almeno quattro anni.

Questo nuovo strumento è previsto in via sperimentale per il triennio 2021-2023, in attesa di una più completa riforma degli ammortizzatori sociali.

La domanda si presenta all’INPS entro il 31 ottobre di ogni anno, si attendono ancora le istruzioni applicative dell’istituto di previdenza. Intanto, trova i riferimenti normativi nei commi 386 e seguenti della legge 178/2020.