Conti deposito, Bot e Btp: come è meglio investire?

di Teresa Barone

scritto il

Calano i rendimenti dei conti deposito ma gli italiani continuano a preferire questo strumento finanziario ai Bot e ai Btp: ecco i motivi.

I conti deposito sembrano essere ancora il sistema di investimento più conveniente per chi vuole mettere al sicuro una somma di denaro, e questo nonostante i tassi di interesse in calo e le novità fiscali introdotte con l’arrivo del 2013.

=> Leggi come non pagare l’imposta di bollo sui conti deposito

Se i tassi di interesse pagati dalle banche per la liquidità investita con i conti deposito (conti vincolati a 12, 24, 36 mesi caratterizzati da una remunerazione variabile) si aggirano intorno al 3 e al 4 %, i Btp a tre anni prevedono un rendimento annuo pari al 2,3%, una percentuale decisamente minore.

In pressoché tutti gli istituti di credito i rendimenti relativi ai conti deposito sono calati sensibilmente, ma alla luce di questi dati è facile comprendere come si mantengano ancora superiori a quelli che si otterrebbero investendo in Bot e Btp della medesima durata.

=> Scopri cosa rischiano i correntisti di MPS

Gli italiani continuano a preferire i conti deposito sebbene a partire dal 1 gennaio 2013 si paghi un’imposta di bollo pari allo 0,15% annuo sulle somme depositate, con un costo minimo fissato a 34,20 euro e senza più l’esistenza di una soglia massima pari a 1.200 euro, che invece persisteva fino alla fine di dicembre 2012.

=> Scopri cos’è il mercato azionario e come investire

Una differenza notevole rispetto al passato, se si pensa che prima dell’entrata in vigore della nuova normativa gli istituti di credito versavano 1,81 euro per ogni comunicazione alla clientela.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari