Google Boost, l’AdWords per il local business

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Google lancia Google Boost, una versione semplificata di annunci AdWords mirata ad automatizzare i servizi pubblicitari locali per piccole aziende

Google annuncia la disponibilità di una nuova soluzione di advertising pensata espressamente per aiutare le piccole attività a connettersi con i potenziali clienti che vivono nella loro stessa area geografica. Attualmente il nuovo servizio è attivo in una sua prima fase sperimentale solamente in 3 città degli Stati Uniti; se l’esperimento avrà successo, verrà esteso anche ad altri paesi a livello internazionale.

Gli spazi promozionali, creati direttamente tramite il proprio account Google Places per un avvio praticamente istantaneo delle campagne e una loro gestione semplificata, appaiono tra i celebri “Sponsored Links” di Google.com e Google Maps. Al loro interno, informazioni base quali il nome della compagnia, l’indirizzo, il numero di telefono e il sito Web; è possibile inoltre includere il numero di recensioni ricevute, un indicatore di apprezzamento sotto forma di stelline e un link alla propria pagina di Google Place.

Come accennato, la creazione degli annunci è estremamente semplificata: basta infatti fornire una breve descrizione della propria attività, una pagina Web o Place, scegliere una categoria e indicare un budget mensile. A questo punto il sistema imposterà la campagna in modo completamente automatico, scegliendo le parole chiave più adatte per portare gli annunci su Google e Google Maps.

Come in Google AdWords, anche in Google Boost il cliente finale paga solo per i click ricevuti dai potenziali clienti, oltre ad avere a disposizione un pannello di controllo dal quale monitorare l’andamento complessivo della campagna.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!