Le Pmi credono nell’advertising online

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Le piccole imprese continuano ad incrementare le spese in search advertising anno dopo anno. Il trend si mantiene positivo grazie anche all'aumento del rapporto tra click e acquisti effettuati

Le piccole imprese continuano ad incrementare le spese in search advertising, anno dopo anno. In particolare, le attività che operano nel campo dei gioielli, dei prestiti e delle assunzioni hanno visto nell’ultimo trimestre 2010 lievitare le spese in maniera significativa. E’ quanto emerge dalla ricerca “The WebVisible Report: State of Small Business Online Advertising Q2 2010” condotta per mano di WebVisible.

La spesa media sostenuta dalle piccole imprese nel secondo trimestre 2010 si è attestata sui 2.231 dollari, con un incremento dell’1,4% rispetto al Q1 2010 e del 159% rispetto al Q2 2009. Su base annuale, la spesa è stata superiore del 91% rispetto al primo trimestre 2010 e del 111% rispetto al quarto trimestre 2009.

La crescita degli investimenti nell’advertising potrebbe continuare il suo trend positivo grazie anche all’aumento del rapporto tra click e acquisti effettuati: quasi la metà dei primi (il 43%) si trasformerebbe infatti in acquisti, con un aumento del 22% rispetto al Q1 2010 e del 39% rispetto al Q2 2009.

Secondo il CEO di WebVisible Kirsten Mangers si tratta di una ottima notizia per gli inserzionisti: «negli ultimi anni l’aumento del tasso di conversione ha riguardato praticamente tutte le possibili azioni all’interno dei siti. […] Più opzioni una compagnia offre, più azioni probabilmente effettueranno i visitatori, dando agli inserzionisti più opportunità di stabilire una connessione con i loro potenziali acquirenti».

Per quanto riguarda gli investimenti raccolti, Yahoo ha guadagnato 4 punti percentuali di share, Google ne ha persi 2 mentre Bing e Ask ne hanno persi rispettivamente 0,6 e 1,4. Il Click-through-rate (CTR) di Yahoo è incrementato del 35% nel primo trimestre 2010, mentre Google e Bing hanno sperimentato un calo del 4,4 e 6,6% rispettivamente.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!