Video Advertising troppo invasivo

di Noemi Ricci

scritto il

La pubblicità video online non riscuote il successo sperato nonostante il potenziale: ecco quale è la percezione degli utenti che li direziona sempre più verso gli Ad-blocker.

È pessima la percezione dell’esperienza degli utenti in Europa con i video di pubblicità online, secondo l’indagine “The Ad-Verse Consumer: European Video Advertising Tolerances in a Digital Age” commissionata da Brightcove, fornitore leader di servizi cloud per i video, il 92% degli utenti europei non è soddisfatto dei video di pubblicità in Rete. Tra gli spunti di miglioramento emersi la necessità di avere inserzioni più brevi, targettizzate e interattive.

=> Guida ai video in diretta sui Facebook

La ricerca è stata condotta su 4.000 consumatori nel Regno Unito, in Francia e Germania i quali hanno evidenziato tra le principali problematiche legate ai video pubblicitari online (che hanno portato il 67% del campione ad interrompere il video) la scarsa rilevanza dei contenuti rispetto ai loro interessi, le dimensioni eccessive dei video e le difficoltà nella riproduzione, riscontrate dal 73% degli intervistati. Il 51% lamenta l’eccessiva quantità di video di pubblicità online, in generale il 74% ha avuto esperienze negative con i contenuti di video pubblicità online e il 36% dichiara di non aver mai o raramente visto un video di pubblicità rilevante per i suoi interessi personali.

=> PMI su Facebook: sempre più mobile e video

Tra gli intervistati:

  • il 57% chiede video pubblicitari più corti;
  • il 41% chiede la funzionalità di scorrimento veloce;
  • il 21% chiede video più simili agli interessi personali;
  • il 58% dichiara di essere più disposto a tollerare i video di pubblicità in Rete se interattivi.

=> Personal Marketing Video: strategia di successo

La nota positiva è che gli utenti dichiarano di aver notato miglioramenti nella varietà (54%) e nella qualità (47%) dei contenuti video online nel corso dell’ultimo anno, tuttavia:

  • il 73% dichiara che la qualità dei video pubblicitari online è rimasta uguale o peggiorata;
  • il 72% dichiara che la varietà dei video pubblicitari online è rimasta uguale o peggiorata;
  • il 23% dichiara che il volume e la frequenza dei video pubblicitari in rete è notevolmente peggiorato.

A rendere ancora più chiara l’insofferenza degli utenti a questo tipo di pubblicità invasiva e martellante ci sono i dati relativi alla diffusione delle applicazioni che filtrano gli annunci pubblicitari, conosciute dall’82% degli intervistati. Tra questi il 23% vorrebbe usare gli Ad-blocker e il 51% già le usa per bloccare:

  • inserzioni troppo lunghe (56%);
  • inserzioni irrilevanti (45%);
  • inserzioni poco interattive (20%).

=> Mobile Video: trend e potenzialità

Mark Balir, Vice President of EMEA at Brightcove, spiega:

«In Brightcove siamo convinti che i consumatori abbiamo il diritto di interrompere un’esperienza pubblicitaria spiacevole e poco interessante ma, allo stesso tempo, le aziende hanno il diritto di monetizzare e promuovere i contenuti su cui hanno investito molto per la produzione. La soluzione che fa incontrare le parti è trovare un equilibrio, migliorando l’esperienza utente, le persone sono più propense a consumare i contenuti pubblicitari.

Dovrebbe incoraggiare il settore sapere che due terzi (66%) dei consumatori che hanno partecipato alla ricerca ritengono giusto che gli editori utilizzino la pubblicità online per garantire contenuti gratuiti. Ma solo un utente su dieci (11%) dichiara di avere sempre avuto esperienze positive con la pubblicità online, quindi i margini di miglioramento sono netti».

Brightcove.