Brevetto Unico Europeo: no dalla Corte Ue

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

La Corte Ue di Giustizia dice no al brevetto unico e trilinguismo: incompatibile con le disposizioni del diritto dell'Unione; Italia soddisfatta.

Bocciato dalla Corte UE di Giustizia il nuovo meccanismo di giurisdizione separata che regolamenta il brevetto unico europeo e che prevedrebbe il trilinguismo inglese-francese-tedesco: la «creazione di un Tribunale dei brevetti europeo e comunitario non è compatibile con le disposizioni del diritto dell’Unione», spiega la nota ufficiale.

Vittoria momentanea per Italia (e Spagna), che ne uscivano penalizzate.

Stop al neo-sistema giurisdizionale del brevetto (tribunale di primo grado, corte d’appello e cancelleria), dunque, ma non ancora alla cooperazione rafforzata tra la maggioranza degli Stati membri esclusi Italia e Spagna – oppostesi perché il regime imposto penalizza le piccole e medie imprese – che sarebbe dovuto essere approvato il prossimo giovedì dal consiglio Ue Competitività.

Il parere espresso dalla Corte riapre però i giochi. Potrebbe infatti crescere il numero di Paesi contrari alla cooperazione rafforzata, tanto più che il parere della Corte è vincolante: può richiedere un parere sulla compatibilità di un accordo previsto con i trattati e, in caso negativo, porre un veto alla sua entrata in vigore, a meno di non essere modificato e revisionato.

_________________________________

ARTICOLI CORRELATI:

Documenti Utili