Tratto dallo speciale:

Visite fiscali per malattia tagliate dall’INPS

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Visite fiscali a domicilio per assenze di malattia ridotte del 90% nel 2013: le motivazioni dell'INPS e i numeri del 2012.

Visite fiscali per malattia del lavoratore a carico dell’INPS tagliate del 90% nel 2013 –  anche se non sospese – a causa della ottimizzazione delle spese, alla luce dei dati statistici e confidando nel più efficiente sistema di data mining.

Questi, in sintesi, i chiarimenti forniti dal direttore generale Mauro Nori, facendo le dovute distinzioni tra le visite d’ufficio e quelle richieste dalle aziende.

=> Vai alla Guida INPS ai Certificati di malattia online

Visite fiscali 2013

Nel 2012 l’INPS ha speso 50 milioni di euro per 900mila visite fiscali, mentre le aziende hanno pagato per effettuare 295mila controlli.

Solo in 83mila casi (9%) dei controlli fiscali automatici – condotti a campione – l’Istituto ha disposto una riduzione della prognosi. Ed ancora meno tra quelli richiesti esplicitamente dai datori di lavoro:  16mila  (5,5%).

In soldoni, il gioco non vale la candela. Ma questo non significa che le ispezioni non saranno effettuate, anzi.

Niente sospensione

I numeri hanno dunque convinto l’istituto che sia possibile ridurre le visite fiscali per malattia dei dipendenti ma, ci tiene a sottolineare Nori, «l’INPS ha mai parlato di sospensione».

=> Scopri la nuova procedura per i certificati di malattia online

È stata quindi decisa «una riduzione a circa 100mila visite per il 2013, forti dell’esperienza costruita con un sempre più sofisticato sistema di data mining, che ci porterà a far crescere la percentuale dei risultati di riduzione di prognosi, pur in presenza di una sensibile diminuzione del numero di visite eseguite. Quindi con meno risorse economiche e con maggiore selettività dei controlli, riusciremo a produrre comunque un sempre più efficace contrasto al fenomeno dell’assenteismo», ha quindi concluso Nori.