Tratto dallo speciale:

Compensazione volontaria: pronto modello di proposta. Al via nuova procedura esattoriale

di Redazione PMI.it

scritto il

Equitalia ed Agenzia delle Entrate danno vita ad una nuova procedura per la compensazione volontaria tra crediti tributari e cartelle esattoriali. Pronto il modello per gli esattori: ai contribuenti proposta di accordo

Equitalia invierà nei prossimi mesi ai contribuenti proposte di compensazione volontaria tra crediti tributari e cartelle esattoriali. Per ora, però, è un’opportunità offerta solo alle persone fisiche.

Lo stabilisce la Direttiva 6/2009 del 15 Giugno 2009, che definisce tempi, modalità e soprattutto il modello di proposta di transazione volontaria, per i contribuenti sia iscritti a ruolo sia beneficiari di crediti d’imposta.

Come funziona la nuova procedura di compensazione volontaria? L’Agenzia delle Entrate, infatti, quando eroga i rimborsi d’imposta invia la lista dei beneficiari ad Equitalia che si trova poi a dover segnala coloro che risultano iscritti a ruolo.

La lista così aggiornata torna al Fisco che trasmette agli esattori gli importi delle somme a ruolo non riscosse, interessi e spese. A questo punto, invece di procedere all’azione di recupero crediti, gli agenti notificheranno la proposta di compensazione ai contribuenti che vantano diritti al rimborso.

Se la proposta è accettata, il contribuente compenserà il debito dandone personalmente segnalazione allo sportello competente entro 60 giorni dalla ricezione della stessa. Oltre tale data, la mancata risposta verrà considerata rifiuto di proposta e si procederà all’attività tradizionale di recupero sonne iscritte a ruolo.

Restano escluse dalla procedura di compensazione le partite:

  1. oggetto di sgravio, rateazione o sospensione,
  2. oggetto di versamenti ex articolo 12, legge 289/2002 ed ex articolo 25, comma 3-quater, decreto legislativo 472/1997,
  3. relative a soggetti deceduti.

I Video di PMI